Bella mi' Pisa ...

Mi garba scrive' in Pisano. E' la mi' lingua e quando la parlo sto dimorto bene, come un muggine a Bocca d'Arno quando passano le cèe ...

Nome:
Località: Pisa, Italy
Google

31 maggio 2017

(Ner)Azzurro

VerZione pisanizzata di "Azzurro" di Adriano Celentano.




Cerco l'Estate der Pisano
e poi d’acchìto eccola và.

Provo a distràmmi un po’ alle Piagge,
ma ar campionato sto già a penza’.

Sogno le ‘òppe e li scudetti
der nostro Pisa in serie A.


(Rit.)

Nerazzurro,
ir grande Pisa è Nerazzurro
e l’ùnio per me …

Rivoglio
‘r su vero nome ch’era véllo:
“Sportin’ Crèb”.

E allora ...
io guasi guasi vado ’n fila
e m’abbono, ancor per te,
che ‘r Pisa de’ desideri
ne’ mi’ penzieri è sempre ‘n serie A.


Sembra l’artranno a San Piero,
sotto vér sole, tutti a aspetta’ …
No, ‘un ce n’era per nessuno
pòi discorzi, devan firma’…
Se ci ripenzo ancora ancora,
mi piglia male, ‘nvio a sclera’

(Rit.)

Vado a senti’ radio scalino,
e se fa cardo vado anch’ar bar ...
Cerco notizie dar ritiro,
lo dìo gente: ‘un se ne pòr più …
Sono riandato a Sa’ Rossore,
‘un c’è più ‘r purma’, chissà dov'è.

(Rit.) 

Etichette: ,

02 gennaio 2017

Pisa regina

VerZione pisanizzata di "Roma Capoccia" di Antonello Venditti.



Vànto se' bèlla Pisa
all'Arènaaa,
'uando la gènte tua
pòr penza' sol'ar palloneeee-eee-e
Bèrgre' cor sètte
un riòrdo e vviaaa,
'uanto se' bèlla Pisa
'uando giòiii ...

Vànto se' grande Pisa
mi ci 'onfondooo,
'uando la gènte tua ci 'rede ancora
e te 'un mòlliiii-iii-ii
e le bandière
son' tanti còri
'e ti stanno sempre a ddii-i':
vànto se' bèllaaa,        
'n Sèrie A ... A
vànto se' bèllaaa.

Oggi mi sèmbra cheeee-eee-ee
sìi ‘r tèmpo di gode' la Sèrie ... Biiii-iii-ii.
Vedo la maestà der mi' Curvone,
vedo la santità der mi' Crocioneeee-eee-ee,
e sono vì che grido,
e sono vì che tifo,
no sola 'un caminerai mai,
Pisa reginaaaa …
di tutto 'r mareeee-eee,
Pisa reginaaaa …
di tutto 'r maaareee !!!

La nòstra squadra vaaaa
co' suuu' stranièri,
giovani e vècchi assième
a smoccolàcciiiii-iii-ii,
fra mill'abbracciiii
e mille còri,
io ci son stato, Pisa,
anco 'n trasfèrtaaaa, a Latinaaaa-aaa.
anco 'n trasfèrtaaa ...

Oggi mi sèmbra cheeee-eee-ee
sìi ‘r tèmpo di gode' la Sèrie ... Biiii-iii-ii.
Vedo la maestà der mi' Curvone,
vedo la santità der mi' Crocioneeee-eee-ee,
e sono vì che grido,
e sono vì che tifo,
no sola 'un caminerai mai,
Pisa reginaaaa …
di tutto 'r mareeee-eee,
Pisa reginaaaa …
di tutto 'r maaareee !!!

26 aprile 2016

Lo scossone gravitazionale

Dice l'hanno sentito passa',
'uella specie di sussurto siderale.
Noi der popolo e ci si pòr solo fida',
 ... anco per 'un fàcceli rimane' mmale.

Da tant'anni stavano lì a 'spettàllo,
a cceccia 'nsulla ripa der fiume,
co' drent'a 'na gabbia un gallo:
dallo spavento, ni doveva 'asca' le piume.

Pe' la  grolia, ci s'eran messi di buzzo bòno,
giorn' e notte a fissa' quer pòero gallo,
'e 'un capiva ... e se ne stava lì, bònò bònò.

Passava 'r tempo, chi ni dava da mmangia',
chi 'nvece ni voleva tira' 'r collo pe' mangiallo,
e chi, pieno di 'ompassione, lo voleva libera'.

Un giorno, d'acchito, l'esperimento (seóndo loro) funzionò:
ar gallo du' penne gni volònno e ll'occhi di fòri strabuzzò,
Dissero ch'era 'uella la 'onferma: Aistàin 'un s'era sbagliato.
Ma 'un glielo dite, poverini: all'Arena, 'r Pisa avéa marcato !!!

Etichette:

27 marzo 2014

Sott’assèdio


Èn passati guasi sètte sèoli, ma li vedo ancora lì, appostati 'n sulle mura,
'ólle balestre carìate e le porte 'juse di volata,
appena vista 'riva' 'uell'armata sterminata.

Cosa vogliano da nnoi que' sordati minacciosi ?
E con Pisa, perché mmai, se la vogliano piglia' ???

Ma 'un c'è vèrzo di discórre',
né di fàlli ragiona':
'uelli affilano le su' armi,
vi ci vogliano sbuzza' !

Noi d'Iggrèsias siam già pronti,
pe' la nostra libertà,
vola un'aquila da' monti,
siamo pronti a guerreggia'.

Nér mi' còre l'ho sentito,
finché Dio mi darà fiato,
vi starò abbarbiàto,
fusse pure all'infinito.

Sòna mèsta la 'ampana,
mentre spèzzo 'uesto pane:
benedetta 'uella dàma
'e mi lèva un po' di fame.

Ma 'un c'è tempo di penza'
a chi parte da 'sto mondo;
vòglio solo ringrazia'
chi ci 'rede fino 'n fondo.

Finché frecce avrò da parte,
finché vista avran quest'òcchi,
'ueste mura belle àrte,
'un c'è òmo 'e le tócchi !!!

Ma c'è uno 'e s'azzarda
a venìcci a sbeffeggia'.
Co' un'aria assai beffarda,
ha 'nviato a sbraita'.

Torna a ccasa, ti 'onviène,
'e la mira ho bèll'e ppreso,
co' 'sto dito 'e mi frème,
già ti vedo secc'e steso.

Caro mio eri avvisato,
ma te nulla ... e quest'è tròppo !
La mi' freccia ho già scoccato,
... O 'un t'ho còrto drent'a 'n occhio ?!

Guardo 'r cièlo e vedo lei
'e continua a vorteggia',
tra le vie dell'alisèi,
l'anime nostre 'ustodirà.

Sèoli ormai ne són passati,
e noi siamo ancora qua.
Noi d'Iggrèsias siam sordàti,
e Pisana resterà.




Traduzione con spiegazione

Sotto assedio

Sono passati quasi sette secoli, ma li vedo ancora lì, appostati sulle mura,
con le balestre caricate e le porte chiuse di volata,
appena vista arrivare quell'armata sterminata.
(Immagino di vedere i balestrieri appostati sulle mura di Iglesias, con le balestre cariche, una volta che le porte della Città sono state chiuse e fuori si è accampata l’armata Aragonese)

Che cosa vogliono da noi quei soldati minacciosi ?
E con Pisa, perché mai, se la vogliono prendere ???

Ma non c'è modo di discutere,
né di farli ragionare:
quelli affilano le loro armi,
qui ci vogliono sbuzzare.!
(Non si capisce perché se la prendano con Pisa – Iglesias qui rappresenta Pisa – ma è certo che quelli la fuori hanno intenzioni cattive)

Noi di Iglesias siamo già pronti,
per la nostra libertà,
vola un'aquila dai monti,
siamo pronti a guerreggiare.
(Tutti gli Iglesienti, balestrieri e popolazione sono pronti a resistere. Nel frattempo fa la sua comparsa, venendo dai monti vicini e volando sopra la Città un’aquila, l’aquila Pisana)

Nel mio cuore l'ho sentito,
finché Dio mi darà fiato,
qui starò abbarbicato,
fosse pure all'infinito.
(È uno dei balestrieri che parla. Ha già ben chiaro che lotterà sulle mura fino all’estremo sacrificio. Il termine “abbarbicato” vuole essere un riferimento alla gramigna, una pianta erbacea molto tenace che in antichità era simbolo di Pisa)

Suona mesta la campana,
mentre spezzo questo pane:
benedetta quella donna
che mi toglie un po' di fame.
(Una campana suona a morto, mentre il nostro balestriere sta condividendo con gli altri balestrieri una pagnotta che una donna di Iglesias ha portato loro. Questo rappresenta la partecipazione di tutti gli abitanti alla resistenza.)

Ma non c'è tempo di pensare
a chi parte da questo mondo;
voglio solo ringraziare
chi ci crede fino in fondo.
(Non c’è tempo di pensare a chi è morto ed il pensiero si rivolge, ringraziando, verso chi insieme a lui crede nella difesa della Città)

Finché frecce avrò da parte,
finché vista avranno questi occhi,
queste mura belle alte,
non c'è uomo che le tocchi !!!
(Questo è il giuramento che fa il nostro balestriere)

Ma c'è un uomo che azzarda
a venirci a sbeffeggiare.
Con un'aria assai beffarda,
ha iniziato a sbraitare.

Torna a casa, ti conviene,
che la mira ho già preso,
con questo dito che mi freme,
già ti vedo secco e steso.

Caro mio eri avvisato,
ma te nulla ... e questo è troppo !
La mia freccia ho già scoccato,
... O non t'ho colpito dentro ad un occhio ?!
(Questo è l’evento, che si narra, in cui un nobile Aragonese, spintosi troppo vicino alle mura, è trafitto ad un occhio da un dardo di balestra)

Guardo il cielo e vedo lei
che continua a volteggiare,
tra le vie dell'alisei,
le anime nostre custodirà.
(Adesso il nostro balestriere sente avvicinarsi la fine e nota che l’aquila vola ancora alta nel cielo, non li ha mai abbandonati ed è pronta a custodire le loro anime)

Secoli ormai ne son passati,
e noi siamo ancora qua.
Noi d'Iglesias siamo soldati,
e Pisana resterà.
(Iglesias oggi. Sono passati molti secoli, ma le anime dei valorosi balestrieri sono ancora sulle mura a fare il loro dovere. Per loro la battaglia non è mai terminata ed Iglesias non è mai caduta in mano al nemico)

Etichette: , ,

23 aprile 2012

Pisa drento

Ho provato a tira' ffori 'ver che cciò drento, e cciò trovato roba 'he c'è 'ntrata 'vand'ero bimbetto e 'un c'è più sortita. Sono "immagini solide"; ogni tanto (spesso) le sento ciottolà li drento: le vedo e mi ci viene 'r magone. A vvòrte ne ciottola una alla vorta, a vvòrte 'nvece si smovano tutt'assieme e allora li mi viene 'r pallétio alle mano ...

-----------------------------------------

'sa ciò qquì drento ?

Ciò ' 'ampi sott'ar sole d'Agosto,
colle ciàle 'he ccantano 'nsull'arberi.

Ciò ' viottoli pieni di bozzi,
e ' fossi 'órmi sott'a 'n cièlo grigio.

Ciò ll'udore de' mi' monti,
more scure e fiori d'èria sott'a pini.

Ciò ' piazzali e cciò la Piazza,
erba arta per gioà, stadere e fogli gialli.

Ciò la pizza der Montino,
e ' racconti der trammino.

Ciò lli scogli di Marina,
la pineta, 'r sole e 'r sale.

Ciò ' pontili a Bocca d’Arno,
onde nere e muggini d’argento.

Ciò 'r sarmastro di libeccio
e cciò la guazza 'he ti smézza.

Ciò 'r Monte Serra sott'ar sole,
e la luna dietr'alla Verrùa.

Ciò le cèe e ciò ' ciuìni,
cantuccini e zuccherini.

Ciò ' Lungarni …
e notti màgie di lumini.

04 marzo 2012

Lucio (dediàta a Lucio Dalla)

A vvòrte nella vita succèdano delle 'ose partiolari, 'ome quest'incontro durato un attimo, 'r tempo der battito d'ala dun gabbiano, ma che ti restano dentro, per sempre.

----

Estate 1988. Isole Tremiti. Cala Spido.
Pomeriggio sur tardi, guasi sera ...

'Vàndo 'r sole soddisfatto der su' lavoro,
cede 'r posto all'arietta della sera,
e' gabbiani si posano sulli scògli,
ar posto de' turisti ormai lontani.

Li, nella pace ritrovata di 'ala Spido,
nella luce specchiata sull'acqua der mare,
ti sento 'rivà' lèmme lèmme 'na barchetta,
sospinta da 'n motorino piccino 'ome lei.

Com'un miraggio la barchetta 'osteggia la 'ala;
sopra c'è un òmo 'olla barba 'he cc'entra a mmalapena.
Sereno, co' una mano tiene la barra der motore,
coll'artra mi saluta e co' un sorriso se ne va ...

13 gennaio 2012

Galileo guarda 'n su

L'hanno stioccato li, all'ombra della Cittadella, sur un pratino ... 'ostellato di càate !!!

Ma lui fa vista di nulla e guarda 'n su. Sta lì sur piedistallo, appoggiato su se stesso a ccerca' d'intende' tutto 'ver giramento di pianeti.

Se t'avvicini, pare di disturballo ne' su' penzieri: 'un sia mai 'he ppoi perde 'r conto !

- < Ciao Galy, tutto bene ??? >
- < 'spetta eeeh ... ora 'r pianetino piccino dovrebbe passà' di dietro ...
Si ciao, tutt'a pposto, 'om'ar solito ... >
- < 'un ti vorrei disturbà' più di tanto, ti volevo fa' solo du' domande ... >
- < Si, ora ... 'spetta un menuto ... pòi la Luna dovrebbe tramontà, doppo tre menuti ... si, mi torna ! >
- < Allora, posso ??? >
- < Vai vai, tranquillo ... tanto tengo tutto sotto 'ontròllo ! >
- < Bravo, fai bene ... no, niente ... volevo sape' se anc'a tu' tempi la nostra Pisa era sporca e ttenuta male 'ome oggi ? >
- < Bella domanda !... Allora dicevo ... ora 'ver pianeta ellì s'è spostato, 'vell'artro è llaggiù, ora ènno messi 'osì, prima erano messi 'osà ...>
- < Oh Galy, ma mmi stai a ssenti' ??? >
- < 'ome no ??? Però e devo tené' dd'occhio ' pianeti, sennò lorolì vanno dove gni pare e ppoi ... bonaaa, l'ho bell'e ritrovati ! >
- < 'apisco ... Dicevo, lo sporco 'he ccè a Ppisa, nelle strade, sull'argini, lungo le mura ...
Era 'osì anc’a tu' tempi ? >
- < 'un lo so ... io stavo sempre a gguarda' per aria e di 'veste 'ose 'un men'occupavo. >
- < 'ome sarebb'a ddì' ? 'Vando 'aminavi, l'avrai veduto 'n dove mettevi i piedi ? Te ne sarai accorto se cc'era der sùdicio ? >
- < Sééé ... a qque' tèmpi e c'erano solo le càate di 'avallo ... e qquelle, pe' scanzalle, bastava la 'oda dell'occhio !!! >
- < Per er resto, era tutto pulito ... niente troiai a ggiro ... lassàti a mmacerà' colla pioggia e cor sole ? >
- < Si, per er resto era tutt'a pposto ... e vorrei vede' ! >
- < Cosa 'ntendi dì' ? >
- < Voglio dì' cche cc'èra pòo da llassà' a ggiro. Si faceva pòi rifiuti noartri, e tutti 'velli 'he si faceva si potevano riadoprà’ o si sfacevano cor tempo, ‘ome dite voi erano “biodegradabili” ! >
- < Tutta 'orpa der progresso ? >
- < No ... er progresso serve pe' mmigliorà' ... sennò 'he "progresso" sarebbe ? >
- < Allora, 'ome te lo spieghi tutto 'vesto sudiume 'he cc'è a Ppisa >
- < Te lo devo propio dì' ? >
- < Faresti 'na bella 'osa ... >
- < Allora l'hai vorzuto te ! Poi 'un venì' a ddì' ... >
- < Tranquillo Galy, si sta tra amici ... >
- < Er probrema 'onsiste ner "quanto vale" Pisa ner core de' Pisani di oggi e di 'hi ll'aministra.
E' tutta 'na vistione di priorità. >
- < Priorità ? >
- < Sarebb'a ddì' ... quarmentre ... di 'osa viene prima e ccosa dopo, 'om'e pianeti ... >
- < Spiegati meglio ... >
- < Lo vedi 'r firmamento ??? >
- < Bèh ... diciamo di si ... ovviamente mìa bene 'ome tte, 'he ti riesce di vedello anc'a mèzzogiorno cor Sole nell'occhi !!!) >
- < Su, ner cielo, tutto è ordinato e pulito. Tutto cià la su' "priorità": er Sole sorge, sale sale, scende scende e ppoi tramonta ... lo stesso dìasi per la Luna. >
- < ... e allora, 'sa c'entra cor sùdicio di Pisa ? >
- < Facciamoci a ccapì' ... se putaàso un giorno 'r Sole 'ominciasse a andà' a zzigozago ner cielo, telo 'mmagini 'osa succederebbe ??? >
- < E a Ppisa è successa la stessa 'osa ? >
- < Pratìamente si ! Cor tèmpo la gente ha scombussolato ll'ordine delle priorità e piano piano s'è 'rrivati alla situazione di oggi ('vella 'he cciài sotto ll'occhi te, perché io ciò da badà' a' pianeti !) >
- < Ma qquale sarebbe ll'ordine giusto delle priorità ? >
- < 'vello der bon senzo ... sperando 'he 'un sia stato scombussolato anco 'vello lì ! >
- < Ho paura di si ... penza te ... io sto qquì a ddiscorre' co' una statua ! Ti sembra normale ? >
- < Si vede 'he colla gente de' tu giorni 'un ti ci trovi ! >
- < Sapessi 'uant'è vvèro ! >
- < 'omunque, se ti pòle 'onsolà', a son di studià' ll'univèrzo, ho ccapito 'na 'osa: tutto passa !!!>
- < Lo so, hai ragione. Però ho ppaura 'he passi anco la mi' vita, sènza riuscì' a vvede' Ppisa tenuta per benino ... 'ome meriterebbe ! >
- < Ti 'apisco ... 'sa vòi 'he tti dìa ? ... Te ci pòi fa' pòo. Pòi solo, ner tu' piccolo, cercà' di 'unisporcalla dell'artro e, casomai, di dàcci 'na pulitina. La speranza è che tu sia d'esempio per quell'artri Pisani. Riòrdati: da ccosa nasce 'osa ! >
- < Grazie Galy. Vorrà ddì' cche farò 'ome m'hai detto e ppoi, se 'un servirà a nulla, farò come fai te. >
- < Sarebb'a ddì ? >
- < Smetterò di guardà' per terra e mi metterò a gguardà' ' pianeti !!! >

Etichette: , ,

04 luglio 2011

Penzièri sur mare

A vorte cis'incanta a ppenzà' ...
Occhi strabuzzati, sguardo fisso e llontano .. tanto lontano.

O 'ndove vanno ' penzièri della gènte ???

La mente 'nvia a divagà' e noi, per un po', e' 'un s'è ppiù llì !!!

Io, dove vanno 'vell'artri 'un lo so;
so che io, sènza volello, mi ritrovo 'n arto, sull'onde, 'n mèzzo ar mare.

Sono li che mi gòdo 'véll'aria prefumata e mi lasso portà' sèmpre più llontano ...

Si vede 'he dovevo èsse' un gabbiano ... 'n un'artra vita !

Bèllo 'ver mare, guasi mèglio di 'vello vero ...
A vvòrte è ccarmo e ci brilla 'r sole ...
A vvòrte è mòsso, spettinato dar vènto ...

E io mi ci tuffo 'n quer mare:
lo sento lo mangio lo bevo 'vér mare,
mi ci risvòrtolo per bène, di schiena e di buzzo ... aaaah bène !!!
Sarto di 'ontentezza nell'aria salata, e bborda ... risono nér fondo ...

Si vede 'he dovevo èsse' un derfino ... 'n un'artra vita !

E io ??? Nòto !

A son di sguazza', 'un so ppiù 'n dove sono ...
Mi mòvo fra ll'arghe, saluto du' saraghi specchiati dar sole
e senz'accòrgimene, mi trovo appoggiato s'uno scòglio a gguardà' 'r tramonto ...

Si vede 'he dovevo èss'un granchio ... 'n un'artra vita !

E qquando 'r sole s'è tuffato, dalle parti della Gorgona,
mi ritrovo di 'orpo fra qquattro mura.

E tutti que' mi' pènzièri ?

Mi sa che ènno rimasti la, sur mare, ... pe' la pròssima vita !!!

Etichette: ,

28 febbraio 2011

L'Animo Pisano

Batte fòrte in noi,
indòmito e ‘ndomabile,
sèmpre più presènte,
quell’alito di gròria,
anima della pisana gènte.

Batte si,
cóme su scòglio batte ll’ónda,
che ddóna sale e vvita:
per la scoglièra giù rimbómba
e ‘nfìn al mar torna sopìta.

E grande, e bbèllo
è l’animo di Pisa:
dall’arto d’una ròcca
guardando óltr’ ar tramónto,
unèndo cièlo e mmare,
rïòpre tutto ‘r móndo.

E ccarmo, e sïùro
è ll’animo di Pisa:
come ppòrto ‘he tt’accòglie,
benèvolo e ppazziènte,
risórto mille vórte,
è lli, sèmpre presènte.

Er tèmpo, su’ ‘ompagno,
la rènde ancór più bbèlla:
rendèndo ogni su’ piètra,
di mura, hjèsa o ttórre,
l’emanazzione stéssa
d’un témpo ‘he rïórre.

Amiamo ‘r nome suo,
e lo ‘ulliamo a mménte,
‘om’ un rimèdio santo
per ogni ‘nconveniènte.

La vita pòi saluterem convinti,
corrèndo a bbracci’apèrte,
sïùri ‘ome bimbi,
di rifinì’ in còll’a tté.

Etichette:

27 febbraio 2011

Aquila Maris

Per mille e mill’anni ancóra,
la Stòria lèi riscriverà.
Su’ mari fòrte e ssólitaria,
l’Aquila pranando va.

Sull’ónda scórre la su’ ómbra,
ségno d’antïa civirtà.
Arta sópr’ar vènto vóla:
vittòria a Ppisa pórterà.

Di Pisa 'n pètto pòrta ‘r còre,
più ‘n arto pòrta 'r nòstr’ónóre.
Du’ ali apèrte sópr’ar Móndo
ma ‘r Móndo mai l’avrà.

Etichette: , ,

06 settembre 2010

Vòti a ppèrde'

E si vive alla giornata,
cóll’anima strizzata.
Si, siamo tutti de’ vòti a ppèrde’ !

La speranza, ‘ortivata pe’ dell’anni,
o ‘n dov’è ita ? S’è rimpiattata ???

Bèr mi’ mago, ‘ólla tu’ palla di vetro !
Dai rètt’a mmé, ‘un ti ci sta tanto a scervellà’,
‘he qquella palla ti si potrèbbe anco ‘ncrinà’ !

Siamo ‘n tanti,
tant’anime spèrze,
‘he tiran’avanti,
ne’ mille giorni tutt’uguali …

E ci vorrèbbe si, ma un bèr miraölo !
Un gran tòno ‘he rintròni,
un tremòto bèll’e bbòno,
du’ scossoni e un bèr vocione,
su, ner cièlo,
ch’annunciasse a ‘sti padroni
ch’è finita la ‘uccagna:
“D’ora ‘n avanti gliè decretato:
chi ccór pòvero guadagna,
all’istante sìi strinato !”

Ma son sogni …
Si pòr solo sognà’,
di strabartà’ ‘sta triste reartà;
la reartà ‘un la pòi mïa scanzà’:
‘vàndo ti risvegli, gliè sèmpre là !

Ma pprim’o ppoi verrà; sïuro ‘he vverrà,
un bèr giorno ‘he “Santi andràn marciando”.
E nnoi ? Noi si starà llì nér mèzzo,
sènza patèmi e, avvòrti nélla luce,
si saprà di sïuro, ‘he ‘un si sarà mai ppiù
… vòti a ppèrde’ !!!

Etichette: , ,

31 maggio 2010

Garibardi guarda 'n giù

Bèr mì’ Bèppe di ‘uér di Nizza,
‘he di móndi uno ‘un ti bastava,
ti stioccònno a bbadà’ ‘na Piazza,
‘nfra piccióni e ‘r sóle ‘he picchiava.

Sarà, ma da ppiccìno mi sembrava
‘he tu fussi più ‘mpettìto,
‘r móndo fórse ti garbava
più ddi òggi, ‘he mi sémbri deperìto.

Lo sguardo pòi, risurta un po’ abbassato,
e ‘un mi’ dì’ ch’è per er sóle,
perché qquéllo ‘un è ccambiato.

Dev’èsse’ ccórpa di ‘uér cche vvédi,
appett’a qquér che cc’èra a Ppisa
‘vando ti stioccònno li, ‘n pièdi.

Ripènsi fórse a tutte le fatïe
penate ‘nsieme a’ mìlle.
Pe’ ffa’ sta ‘ssième le gènt’itàlïe,
n’hai dovute fa’, vai, di favìlle !!!

Pòi ‘r tèmpo gliè ppassato,
ma sièi stato li, tutti ‘uest’anni,
sur pièdistallo accómodato,
vestito sèmpre de’ tu panni.

Hai visto ll’Italia trasformassi,
sott’all’òcchi piano piano,
come góccia ‘ha ccava ‘ sassi,
dar calèsse all’aróprano.

Fórse ‘un è viénsùta bène,
come ttél’èri ‘mmaginata.
Onestaménte òggi si ‘onviène,
‘he gliè tutta sconquassata.

Seóndo me sièi pròpio sconsolato,
e un penzièro stai a rimuginà’:
“Se qquest’è ‘ r risutato,
“ma cchi mel’ha fatto fa’ !!!”

Etichette: ,

04 gennaio 2010

Ir Mistero der Natale

‘Ome tutti ll’anni ritorna ‘r Natale
‘on tutti i su’ addobbi ‘olorati
rende ‘r crima più speciale
e tutti ènno più bòni e spenzierati.

Bisogna preparallo un po’ ‘n anticipo
agghingando ll’arbero e la scèpre
‘on palle, lluci e un tocco màgïo;
a rròta segue anco ‘r presèpe.

Le feste poi volano d’un fiato.
Tra ‘ bbòtti, i brindisi e ‘ regali,
ti ritrovi anco ‘n po’ ‘ngrassato,
promettendoti pasti più frugali.

Pe’ rrènde’ tutto più speciale,
a’ bimbi gni racconti tante favole.
Ma ‘r vero “Mistero der Natale”
è ppoi fa’ rrientra’ tutto nelle scatole.

Etichette: ,

23 luglio 2009

Per anda’ sur gommone

(Pisanizzazione di “Per un’ora d’amore”, dei Mattia Bazar)

Per anda’ sur gommone ‘un so ccosa farèi
anco un po’ sur patino, m’accontenterèi.
Colli gnòcchi bevo ‘r tè
le regate ‘un finiscano mai
rèst’a galla o vado giù
‘un vorrèi che affogassi ‘osì
du’ gozzate e ‘un vedessi mai più
io per anda’ sur patino venderèi anco ll’apino
e per anda’ sur gommone darèi via anco ‘r vespone.

Per anda’ sur gommone ‘un so ccosa farèi
anco un po’ sur patino, m’accontenterèi.
Dar pontile, men’andrèi
sopra un gozzo all’incirca vèrso le sèi
sole giallo mare brù
pe’ sta’ mèglio ci vorresti anco tu
ma faccio anco sènza, tanto lo sai
che per anda’ sur patino venderèi anco ll’apino
e per anda’ sur gommone darèi via anco ‘r vespone.

Colli gnòcchi bevo ‘r tè
le regate ‘un finiscano mai
sole giallo mare brù
pe’ sta’ mèglio ci vorresti anco tu
ma faccio anco sènza, tanto lo sai
io per anda’ sur patino venderèi anco ll’apino
e per anda’ sur gommone darèi via anco ‘r vespone.

Per anda’ sur gommone ‘un so ccosa farèi
anco un po’ sur patino, m’accontenterèi.
Per anda’ sur gommone ‘un so ccosa farèi
anco un po’ sur patino, m’accontenterèi.
Per anda’ sur gommone ‘un so ccosa farèi
anco un po’ sur patino, m’accontenterèi.

Etichette:

06 luglio 2009

Ner méntre

Ner mondo è tutto un dipanàssi di 'ose 'he succèdano tutt'assième.
E' tutt'un frigge' di pesce misto, tutt'una zuppa di piccole e grandi 'ose,
di piccoli e grandi òmini, di storie mai scritte o vissute per isbaglio ...

Ognuno vede a stènto la punta de' su' piedi 'he sbüa dall'ombra der buzzo e crede allora d'ave' ggià 'na bòna visione der mondo ...

Ma se si butta ll'occhio un po' più 'n là, c'è da rimane' a bbocc'aperta ner vede' tutto vér ch'accade ... e per di più tutt'assième: ner méntre fai la tu' vita, succèdano tante di vélle 'ose ... ma tante di vélle 'ose, 'he tene' 'r conto 'un è mïa possibile !!!

Ner méntre nasci, varcun'artro ti lassa 'r testimone e tira 'r carzino.
Ner méntre puppi da tu' ma' a tutta gargana, casca la mela dar melo e la pera dar pero ...
Ner méntre ti spunta un dentino, c'è chi 'mpenna già cor motorino.
Ner méntre mangi un panino, quarcuno semina 'r grano per 'e panini dell'anno prossimo.
Ner méntre ti sbucci un ginocchio, nasce una stella ... e magari te smoccoli anco !!!
Ner méntre lèggi 'r giornale, succèdano le 'ose 'he leggerai domani ...
Ner méntre giòi a carcétto, quarcheduno viene giustiziato o torturato ...
Ner méntre ti domandi 'ndove sia ito a rifini' lo stipendio doppo solo tre settimane, quarcuno si domanda se è meglio 'ompràssi 'r Ferrarino o la Bièmmevù ... e ner méntre ti ci piglia lo gnòcco, quarcun'artro ‘nvece e’ mòie di fame.
Ner méntre dòrmi ner tu' letto, quarcuno s’arza digià pe’ vvede' di guadagnàssi 'r pane.
Ner méntre 'nforchi du' spaghetti, quarche operaio anche oggi ci lassa le penne ...
Ner méntre piòve, sopra le nuvole sprènde 'r sole.
Ner méntre ti dispèri, nasce 'na speranza …
Ner méntre mòi, nasce 'na vita.

Ner méntre ... quante 'ose, ner méntre !!!

Etichette: , ,

05 maggio 2009

Ar casòtto dello Zio

Ner verde der Monte Pisano
sur versante di Vïopisano
c’è ‘na ‘asina in muratura
fatta pe’ godessi la frescura.

Bisogna ringrazzia’ ir Pro-Zio,
ovvero ir babbo dello Zio,
per ave’ avuto ll’intuizione
di fa’ questa bella ‘ostruzione.

Immerso nell’ulivi nostrani
ch’ a’ pini gni solletïano ‘ rami,
ar solicchio si crògiola ‘r casòtto,
alla faccia di ‘uelli ‘he stanno giù di sotto.

Pòr capita’ ‘na bufera, guerra o carestia,
tempi di vacche magre e chiar di luna;
ma ‘un è certo un’eresia
di’ d’èsse baciati dalla fortuna.

Pote’ passa du’ ore lontano dar mondo,
var più che vince’ ar superènalòtto.
Tutto sembra esse’ più giòondo,
se tene stai ar sïuro, quì … ar casòtto !!!

Etichette:

19 febbraio 2009

Ir testamento "biològïo"

Dice che 'r moribondo, pe' ffa’ vale' 'r su' diritto,
'un abbia poi quarcuno a ddi' d'avéllo 'apito male,
bisogna 'he lasci imperiscrìtto
come vòl’èsse' trattato ‘n sur finale.

C'è chi, 'nvece d'èsse sotterrato,
vol'èsse spàrzo ar vento, tutto bello sbruciacchiato,
e cchi si vòl'affida' alla lògïa de' luminari,
per poi fini' ' su' giorni fra medicine e tubini vari.

Per quanto m'arriguarda, è presto detto.
Arrïordatevi, quando sarà, di 'ueste mi' parole:
lassàtemi 'n pace ner mi' lètto,
e ppòi stioccàtemi all'aria e ar sole !

'Un voglio fini' bruciato e compattato.
'Un voglio nemmeno rifini' 'n una bara sotterrato.
A són di pensàcci, ormai, è doventato un chiodo fisso:
vorrèi pròpio fa’ lla fine .. dello stoccafisso !!!

Etichette:

02 settembre 2008

Fermamosi un momento

Fermamosi un momento,
lassamo da parte ‘r patema e lo sgomento,
arzamo ll’occhi ar cielo e godiamo un po’poìno
ir fatto d’èss’ar mondo … Dio bonino !

A dda’ rètta a d’ugni ‘osa,
si rischia di fa’ ‘r bòtto.
Chi ‘nvece si riposa,
segue la legge di quer mòtto
che, per anda’ llontano,
bisogna andacci piano piano.

Tiriamo ‘r fren’a mmano,
apriamo ‘r finestrino,
spengiamo ‘r telèfano
e stiacciamo un pisolino.

Ir passo poi riprènde,
con andamento lèsto.
Tutto è più ridènte,
ti siei rimesso ‘n sèsto,
e anco senza ‘r tu’ permesso,
e ‘r Mondo, … è it’avanti lo stesso !

Etichette: , ,

31 marzo 2008

P.I.S.A (pi-ài-es-éi): Pisa In Serie A

(Pisanizzazione di “Y.M.C.A.”, dei Village People)


Gènte,
ve lo dïo ‘sa si fa
oimmèi … gènte,
qui ‘un c’è artro da ffa’
oimmèi … gènte,
coll’Arèna ‘osì pièna
certo di ‘vì - e ‘un - si - scappa.

Gènte,
se si rièsce a ffa’ gò
Dïo “se” … gènte
se si fa ‘n’artro gò,
s’urla … “Rete !!!”,
e stai sïuro c’avrai
tanti mò - di - di - gri - dàllo

E forza Pisa alé
P. I. S. A. (Piiiii ai es eeeei)
E forza Pisa alé
P. I. S. A. (Piiiii ai es eeeei)

E siamo mitici
si grida come pòi
e dai gridatelo anco voi.

E forza Pisa alé
P. I. S. A. (Piiiii ai es eeeei)
E forza Pisa alé
P. I. S. A. (Piiiii ai es eeeei)

Te cci devi veni’
e ppoi melo sai di’
se ti garba oppure si …

Gente,
ma mi state a ssenti’
Dïo io … gente,
quant’è lunga la B ?
Dïo io … gente,
no ‘un siamo de’ pazzi
E allora … dai - fo - rza - ra - ga - zzi !

Mma sse
fanno gò tutt’e tre
vi dïo … gente,
casomai fai ‘n po’po’ te
se si pòr … gòde’
con ir P. I. S. A. (Pi ai es ei)
sïuro ‘un si - di - ce - più – òi-mmèi

E forza Pisa alé
P. I. S. A. (Piiiii ai es eeeei)
E forza Pisa alé
P. I. S. A. (Piiiii ai es eeeei)

E siamo mitici
si grida come pòi
e dai gridatelo anco voi.

E forza Pisa alé
P. I. S. A. (Piiiii ai es eeeei)
E forza Pisa alé
P. I. S. A. (Piiiii ai es eeeei)

Te cci devi veni’
e ppoi melo sai di’
se ti garba oppure si …

Gènte,
ma che tifo ci s’ha
ma che … tifo
piùcche mai neroblù
e se … ora
penso alla serie A
‘un mi se - mbra - più - un - mi - ra - ggio …

E quando
quarcuno mi vien’a ddi’
sai ‘osa … gènte
ma te per chi tifi
gni dïo … tifo
per ir P. I. S. A. (Pi ai es ei)
der resto ‘un - me - ne - fre - ga - gnènte.

E noi si vòle ir Pisa
iiiiin serie A
E noi si vòle ir Pisa
iiiiin serie A

E ci si vòle anda’
e ci si vòle sta’
e ci si vòle anco restaaaaa'

iiiiin serie A
E noi si vòle ir Pisa
iiiiin serie A

Gènte, gènte
ve lo dïo ‘sa si fa
Gènte, gènte
qui ‘un c’è artro da ffa’

iiiiin serie A
E noi si vòle ir Pisa
iiiiin serie A

Gènte gènte
ma mi state a ssenti’
Gènte gènte
quant’è lunga la B ?

iiiiin serie A
E noi si vòle ir Pisa
iiiiin serie A

Mma sse gènte
fanno gò tutt’e tre
Gènte gènte
casomai fai ‘n po’po’ te

iiiiin serie A
E noi si vòle ir Pisa
iiiiin serie A

Gènte gènte
ma che tifo ci s’ha
Gènte gènte
piùcche mai neroblù

Etichette: , ,

29 febbraio 2008

Tutt’in A con Ventura

(Pisanizzazione di “Un’avventura”, di Battisti-Mogol)
(Dedïata a Giampiero Ventura, allenatore der Pisa, a tutta la squadra, ar Pisa, a Pisa e a nnoi)


Tutt’in A … con Venturaaaa
prima squadra e anco tutta la Primavèraaa
Guarda ‘r Pisa ‘ome brillaaaa
e mai più si spengerà
oh no no no no no no!

Tutt’in A … con Venturaaaa
questo è un tifo che ti piglia e ti porta viaaaaa
mammamiaaa, mammamiaaa
quanto quanto ancor vorrei
avecci voce per grida’ ancora “Dai !!!”

Invarvolatooo sempre di piùùù,
rossocrociato e neroblù.

C’è sempre una scommessaaa
che aspetterààà
domani e sempreeee
la serie A
la serie A
la serie A
la serie A

E tutt’in A !!! … con Venturaaaa
Mister Ventura
cor su’ bèr gïòo no, ‘un po’ sparireee
ma resterààà
fino ‘n fondooo
fin’a quando, si sa ggià,
ir gran sogno doventerà ‘na rea-rtàààà

Tutto lo Stadiooo ... sempre di piùùùùù
per questa squadraaa in serie A.

C’è sempre una scommessaaa
che aspetterààà
domani e sempreeee
la serie A.

Perchè io sono ‘nnamorato
di ‘uesta Cittààà
e ‘n fond’all’animaaa
mi resterà.

C’è sempre una scommessaaa
che aspetterààà
domani e sempreeee
la serie A
la serie A
la serie A
la serie A

Etichette: , , , ,

28 febbraio 2008

D’Anna

(Pisanizzazione di “Gianna”, cantata da Rino Gaetano)
(Dedïata a Emanuele D’Anna, giòatore der Pisa)


D’Anna D’Anna D’Anna lui ‘orreva, per mesi e stagioni
D’Anna D’Anna D’Anna prumetteva, reti a ffiumi

D’Anna D’Anna bùava ‘r birillo e ll’allenatore
D’Anna ‘un si fermava mai un menuto, mézzo di sudore.

Ma stasera e c’è ‘na partita, ch’è tutta ‘n salita
La Curva si èmpe e comincia un coro

un coro diverso, ma sempre lo stesso
“FORZA PISA IN A ...”

D’Anna D’Anna D’Anna lo gïoava, ir su’ pallone
D’Anna marcava ll’avversario, seguiva ll’azione

D’Anna D’Anna D’Anna lui ‘orreva, forte e sïùro
D’Anna aveva un tiro eccezionale, pareva un siluro

Ma stasera e c’è ‘na partita, ch’è tutta ‘n salita
La Curva si èmpe e comincia un coro

un coro diverso, ma sempre lo stesso
“FORZA PISA IN A ...”

Ma ddove vvai, vièni và, càa fai?
Dove vvai, ‘on chi ce l’hai? Vieni và, càa fai?

Dove vvai, ‘on chi ce l’hai? Dalla ar sei, ma càa vòi?
Dove vvai, ‘on chi ce l’hai? Tira là, vieni và,

chi la prende e chi la da! Dove siei, ‘ome stai?
Fatti sempre i fatti tua! Ecco ‘r sei, ora ti bùa ?

Ir rigore ‘un c’è mmai! ‘un c’è mmai! ‘un c’è mmai!
Te ‘un segni se ‘un la dai! Vieni và, càa fai?

Dove vvai, ‘on chi ce l’hai? Tira là, vieni và,
chi lla prende e chi lla da! Dove siei, ‘ome stai?

Fatti sempre i fatti tua! Ecco ‘r sei, ora ti bùa ?
Ir rigore ‘un c’è mmai! ‘un c’è mmai! ‘un c’è mmai!

Te ‘un segni se ‘un la dai! Vieni và, càa fai?

Etichette: , , , ,

06 febbraio 2008

Zuppa ... aaah bène !!!

Tanto per incomincia’ bisogna pronunciàlla ammodo: la zèta iniziale dev’èsse “sorda” ovvero simile a “TS” o meglio “TZ” … comunque per mangiàlla ‘un occorre !

La zuppa di Pièrluigi ‘r Cini e della su’ signora Fiorèlla … è ‘na vera poesia, già per conto suo !

Dice ‘he le dosi ènno per sei persone …
Comunque, se putaàso una di véste sei persone sono io, allora ti ‘onviene raddoppiàlle !
Si fa per ruzza’ eeeh … ‘nzomma …. mïa tanto !

Per fa’ questo “Cibo délli Dèi”, bisogna procurassi un bèr po’ di robina bòna:
- mèzzo ‘hilo di fagioli ‘annellini secchi (di vélli da mette’ ammòllo la sera prima per intèndesi);
- 3 ètti di pane posato di véllo bòno, ‘asalingo, d’affetta’;
- un cavolo vérza piccino … e magari vàrche foglia di ‘avolo nero;
- tre carote, tre zucchini e tre patate di media grandezza;
- sedano a ccòste:
- prezzemolo:
- du’ cipolle, anco veste di media grandezza;
- quarche seme di finocchio e un po’ d’origano (una manciatina di tutt’e ddue);
- passata di pumodoro;
- olio d’oliva;
- pepe, peperoncino, aglio e sarvia;
- sale vér che basta.

Per prima ‘osa bisogna prepara’ ‘ fagioli:
ammolla ‘ fagioli nell’acqua per dodic’ore (quindi avviati la sera prima, sennò ll’hai avuta !) e ppoi ‘òcili ‘n una pentola ‘on dell’acqua, ‘no spicchio d’aglio, un ciuffo di sarvia e sale ‘r giusto.

Poi c’è da prepara’ lo straòtto:
trita la cipolla senz’anda’ tanto per er sottile e mettila in una bella pentola; stiòccaci anco ‘no spicchio d’aglio, un gambo di sèdano, ‘na ‘arota, un ciuffo di prezzemolo, metà de’ semi di finocchio e dell’origano. Vai con abbondante olio d’oliva e fai soffrigge’ tutto per quarche menuto.
Aggiungi la passata di pumodoro a piace’, un po’ der bròdo de’ fagioli, sale, pepe e peperoncino e fai òce per un quarto d’ora.

È ora che doventa la zuppa ver’e propia:
stiòcca, nello straòtto, ‘r cavolo tagliato a ppezzi, tutte ll’artre verdure e aromi che t’èrano avanzati.
Rivogaci anco ‘ fagioli passati ‘or passino (quarcuno làssaciélo ‘ntero), ‘nzieme cor su’ bròdo di ‘ottura. Fai òce’ per più d’un’ora. Ogni tanto ‘ontrolla se tutto va per ‘r verso giusto: se ‘un basta véllo ‘he c’è, mètticene dell’artro di sale !

Ner frattempo ‘unista’ senza fa’ nulla: affetta ‘r pane a fette sottili e mettile drento a ‘na zuppiera (hai notato ‘r nome ?) ‘nframezzando strati di pane a strati di bròdo della zuppa, cominciando co’ ‘no strato di bròdo. Vedi di fatti avanza’ un po’ di bròdo per ‘r finale.

Se cela fai a resiste’, fai riposa’ tutto questo bendiddìo per mezz’ora armeno: man’a mmano che ll’assòrbe, aggiungi ‘r bròdo della zuppa che t’èri fatto avanza’.

Vedi di mangialla senza scottàtti e … bòn appetito !!!

Etichette: , , ,

30 gennaio 2008

Sassi a Marina

Povera Marina … come t’hanno ‘onciato !
Si vede proprio ‘he con te ‘un ci s’hanno fa’ …
O quant’era bello ‘r tu’ litorale ?
… collo sciarbottìo der mare sott’alli scògli
e ll’udorino d’arghe a’ accompagna’ i nostri passi.

Sa dDio vànto c’han rimuginato,
le gran menti sopraffine,
ottenendo ll’unïo risurtato
di fatti fa’ ‘sta brutta fine !

Vedetti ‘n questo stato, ar còre mi fa mmale …
Pèrla d’artri tempi e lido dar Sol baciato,
amante prediletta di Libeccio e Maestrale,
Marina mi’ Marina, t’han pròpio sciagattàto !

‘un c’è che ddi’ … han fatt’un bèr disastro !
Come ne’ rïordi vorrei ‘he tu ttornàssi,
quand’eri ‘no spréndore di spruzzi e di sarmàstro,
ma ora quer bèr rïordo gl’è seporto … sott’a‘sassi !

Etichette: ,

18 gennaio 2008

Er ballo di Simone

(Pisanizzazione de “Il ballo di Simone” cantata da Giuliano e i Notturni)

Adesso ruzzerò
un pò' pò’ con te
co' un ber giòo che
ti garberà.

Simone dice ch’è
dimorto semprice
e llui ‘ueste ‘ose le sa!

Batti ‘n aria le mano
e poi falle vibra’
se fai ‘ome Simone
‘un ti pòi certo sbaglia’!

Ora che hai ‘apito
certamente pòi
gioàcci sempre co'
ll’amici tua.

Come pòi vede’
‘un è difficile
segui ‘r ritmo e gnente più!

Butta ‘n aria le mano
e poi lassale anda’
mòvile dell’artro ‘on me
un po' di và e un po' di là!

Batti ‘n aria le mano
e poi falle vibra’
se fai ‘ome Simone
‘un ti pòi certo sbaglia’!

Butta ‘n aria le mano
e poi lassale anda’
mòvile dell’artro ‘on me
un po' di và e un po' di là!

Batti ‘n aria le mano
e poi falle vibra’
se fai ‘ome Simone
‘un ti pòi certo sbaglia’!

Ora che hai ‘apito
certamente pòi
gioàcci sempre co'
ll’amici tua.

Come pòi vede’
‘un è difficile
segui ‘r ritmo e gnente più!

Batti ‘n aria le mano
e poi falle vibra’
se fai ‘ome Simone
‘un ti pòi certo sbaglia’!

Etichette: , ,

17 dicembre 2007

Ir mi' amïo Angelo

(Dedicato all'amico Angelo Perini per il suo 50° compleanno)

Son nato marfidato, lo so …
e ‘un ci posso fa’ più di tanto:
faccio diffïortà a doventa’ amïo di ‘uarcuno,
sto sulle mie e ‘un mi lass’anda’.

Dice ‘r détto: fidàssi è bene, ma ‘un fidàssi è meglio …
E io ci ‘redo a’ détti … e ‘un mi fido !!!

Tutto filava liscio come ll’olio, ner mi’ trantramme della vita,
fin’ar giorno ‘n cui ti vedo sbua’ questo pò' pò' d’elemento eqquì,
che ‘n du’ balletti ti sarta tutti i paletti e ti doventa amïo, dall’oggi ar domani … ma che dïo … dall’oggi all’oggi !!!

Ora io mi domando e dïo, su’ ma’ e su pa’, noo … quer giorno cheee … (e ci siamo ‘apiti), ma cos’avevano mangiato, per poi anda’ a catapurta’ sulla scena mondiale un figliòlo come luilì ???

Va bbene che uno pòle nasce’ simpatïo, uno generoso, un artro artruista e quell’artro cor genio dell’artista, ma che tutte le ‘aratteristïe vadino a rifini’ drento alla stessa persona … è roba da ‘un crede’ !!!

Co’ Angelo è cinqu’anni che ci si ‘onosce e ormai siamo doventati amici. Se poi uno crede un po’ anc’ar destino, di sïuro ‘un poteva anda’ diversamente !!!

Cinquanta “tondi tondi” scavalli, caro Angelo, in questa sprèndida serata, e l’unïo mi’ rammarïo lo sai ‘ual’è ? D’èssemmi pèrso … tutta la prima puntata !!!

Etichette: , , ,

14 dicembre 2007

L’Angelo der Presepe

(Dedicato all'amico Angelo Perini per il suo 50° compleanno)

Ar Popolo di Pisa,
chiamato a gran raccòrta,
annuncio ‘r grand’evento.
Quar che sia la guisa,
e quar che sia la torta,
‘nviamo a festeggia’ … un gran talento.

Angelo di nome e anco di fatto,
eccolo ch’arriva, padrone della scena.
E’ di sïuro un’òmo di grand’impatto:
direttamente a noi … da San Giovanni alla Vena !!!

Capace di vedetti un presepe in ogni tronco,
di scrivetti ‘n rima anco ‘r padrenostro,
son sïuro che anco s’era monco,
c’avrei avuto listesso da spendecci dell’inchiostro.

Ir tipo è sopraffino,
e di grande levatura,
trattelo ammodino,
e ammirate la su’ bravura.

Ir quattordici der mese
ti ‘ompie cinquant’anni,
sarà ir più ber presepe:
dai oh … ll’aguri bisogna fànni !!!

Etichette: , , ,

09 ottobre 2007

La Fìatte

Oramai ci siamo.
Dopo tant’anni ‘he lo dìano, è ‘rivato ir momento fatidïo.
Oggi pomeriggio buttano giù la Fìatte a Marina.
Quarche carïa d’esprosivo e … bùmme !!!

D’artronde der mitïo stabilimento dietro all’obelisco a Boccadarno,
c’era rimasto solo l’esoscheletro. Stava li ar su’ posto da tant’anni,
com' un granchio morto, rinsecchito dar sole e sporpato da’ moscìni.

Mi pa’ c’ha lavorato tant’anni come “chimïo” e, colla famiglia,
s’è vissuto per un lustro a Marina, ner bèr mezzo dell’anni ’70.
Tanti rïordi c’ha mi’ pa’ di quell’anni, passati drento a que’ ‘ apannoni
co’ tetti a zighezzàghe; rïordi che c’ho anch’io, travasati da’ racconti quotidiani che mi pa’ ci faceva der su’ lavoro, a cena la sera.
Son ‘resciuto co’ racconti delle prèsse, della zincatura, dell’elèttroforèsi, der “collaudo e per fini’ con quelli der mitïo “depuratore”.

Ir depuratore merita un discorso a parte.
Mi pa’ è sempre stato sensibile alla “questione ambientale”, come si dice oggi, all’inquinamento, come si diceva nell’anni ’70. Supervisore giòoforza di tutto ir cicro industriale dello stabilimento, in qualità di “responsabile del laboratorio” (certe risate cisi faceva … e c’era artr’ ‘e lui nel laboratorio !!!), si cimentò in quell’impresa, unïa ner su’ genere e che, con un pizzïo d’orgoglio familiare, possiamo di’ che fece ir su’ bello scarpore, seppur ner ristretto ambiente industriale. Consistette nella realizzazione dell’idea di mi’ pa’, di fa’ un depuratore che, per arriva’ a compie’ ir su’ ‘ompito di depura’, sfruttasse quelle stesse sostanze di scarto prodotte in fabbrïa: un vero e proprio auto-depuratore. Tanto fece e tanto ci studiò che alla fine ci riuscì.

Oggi pomeriggio si porverizzerà ir cemento de’ ‘apannoni, ma que’ rïòrdi e mille artri, racchiusi nelle menti delle migliaia di persone che hanno vissuto la “Fìatte a Marina” o che sempricemente hanno vissuto “Marina a’ tempi della Fìatte”, quelli no, non svaniranno.

Ir mondo va avanti ed è inevitabile che tutto passi e poi sparisca.

Oggi pomeriggio dice ‘he ci saranno ‘n tanti a Marina per vede’ la demolizione esprosiva, ma artrettanti saranno a vede’ quer botto dar cielo. Son siùro, me lo sento, che tra ieri e questa notte, in mezzo a que’ ‘apannoni si sono ritrovate tant’anime: chi cor camice e chi colla su’ tuta verde sconsumata. Avrà sonato anco la sirena per segna’ inizio e fine turno. Un fiume d’operai e d’impiegati avrà timbrato ir cartellino e avrà ripreso ir su’ vecchio posto in fabbrïa. Pure ll’anime de’ macchinari avranno fatto la loro urtima giornata: la ‘atena di montaggio, ben lubrifïata, con tutti i su’ gancetti si sarà mossa ancora. Le presse avran pressato e si, alla fine … anche ir depuratore di mi’ pa’ avrà lavorato per bene. Poi tutti a casa.

Etichette: , , , ,

01 ottobre 2007

Un cazzotto in un occhio

Passando sul Lungarno urtimamente,
mi s’è posato ll’occhio s’un palazzo.
Gente, io tir’a sorte equamente:
o son dartonïo o son doventato pazzo.

Anco a ‘un volecci fa’ ccaso,
anch'a tene’ basso llo sguardo.
E ‘un c’è versi di gira’ ‘r naso:
tisi ficca nell’occhio com’un dardo.

Più o meno di front’all’Ussero,
ma dilà d’Arno, per capìcci;
tel’hanno pitturato per intero,
sïuro l’hanno fatto pe’ stupìcci.

Ora par piovuto da un artro mondo,
con quer su’ ‘olore da frùfrù,
con tutte ll’artre ‘ase a fànni da sfondo:
… o ‘un tel’hanno fatto tutto brù !!!

Ma mi domand’e dïo,
(e mi trattengo dar tira’ un sagrato),
sarò anco di gusto un po’ stantìo,
ma propio ‘osì … andava pitturato ?

Etichette: , ,

28 settembre 2007

Lavavetri ar semafero

In una mano una boccettina d’acqua e sapone,
nell’artra un’affarino lungo per puli’ ‘ vetri.
A vorte fan finta d’un capi’ ir “no” delle persone,
ma è la fame che l’ha spinti su que’ venti metri.

A noi, se piove, ci pòr sporca’ la macchina,
o ar più ci pòle rovina’ la scampagnata.
Per loro vor di’ sopporta’ dello stomào la macina,
e rimanda’ ir mangia’ d’una giornata.

Ir sindào di firenze, la mente sopraffina,
s’è arzato a bùo ritto e t’ha fatto la penzata.
Gl’è viensuta ‘osì, dalla sera alla mattina,
un’ordinanza ‘ngiusta e sciagurata.

T’ha proibito a quella poèra gente
di pote’ ffa’ quel lavoro duro,
che più d’un lavoro era un sarvagente,
da svorge’ nell’attesa d’uno più sïuro.

Allora glielo mando io ar sindào ll’agurio, si …
ma d’anda’ colle pezze ar culo a vive ‘n un tugurio.
Che vengano anco per lui de’ giorni tetri
da passa’ tutti ar semafero … a lava’ ‘ vetri !

Etichette: , , ,

Ir Muggine e l’Anguilla

C’èra ‘na vòrta, tanto tempo fa, Mugginetto che, come dice ir nome era propio un mugginetto e stava di ‘asa a Boccadarno.
Era fortunato e lo sapeva. Su’ pa’ gniel’aveva detto, sin da quand’era pöo più grande d’un crognolo, che ‘un era da tutti pote’ vive’ in un posto der genere. Tutti i giorni, da piccino, andavano assieme a fa’ ‘na giratina fin’ in fond’a Marina … guasi a Tirrenia. Sguazzavano vicino agli scogli in gruppetti di una diecina, tutti belli in formazione: i più grandi davanti a spiana’ la via, e’ più piccini dietro a ride’ e scherza’. Ma lui, Mugginetto, ‘un ci voleva sta’ mai dietro; voleva sta’ sempre accanto a su’ pa’, “perché davanti si vede meglio”, diceva sempre. Una vòrta alla settimana però, se ‘r tempo lo permetteva (cioè se ‘un c’erano piène) andavano a Pisa, risalendo la ‘orrente dell’Arno. Su’ pa’, prima di parti’, s’arraccomandava sempre: “Ora si va a Pisa. Vedi di fa’ ammodino per la via. Va bene giöa’, ma senza esagera’. Sennò poi la senti tu’ ma’ quando si ritorna !”.
Ma cosa vòi … hai voglia te di raccomandassi ! Nisba … ‘un c’era verso di fassi ‘ntende’: come ‘nviavano a risali’ la foce, ogni ‘osa doventava un giöo e, tempo du’ menuti, i mugginini c’avevano le gaggette tutte motose.

Ora dovete sape’ che uno de’ divertimenti più grandi de’ mugginini è quello di giöa’ a rimpiattino. Ir giöo assomiglia a quello de’ figliòli delle persone, solo che è tutto sott’acqua: uno de’ mugginini si mette accanto a uno scoglio, accost’ar quale prima c’hanno portato un piombo da pesca, di quelli che i pescatori usano colle ‘anne da lancio. Via via ne perdono quarcuno, e ‘ mugginini fanno a gara chi ne trova di più. Mugginetto c’aveva la ‘ollezione di piombi, piombini e sugherini. Su’ pa’ collezionava ami e ancorine. Le teneva dentro un armadietto chiuso a chiave e aveva dovuto chiede’ un permesso speciale per tene’ in casa quella robba perïolosa.

Per giöa’ a rimpiattino, un mugginino si mette cor muso verso lo scoglio, per ‘un vede’ dove si vanno a rimpiatta’ quell’artri e ‘nvia a conta’ fin’a dieci. Dieci basta, perché i muggini sono lesti a nascondessi. Ner mentre quello ‘onta, ti farei vede’ l’acqua che pó’ pò’ di lavorìo … sembra ‘he ribolla !
Una vòrta ‘rivato a dieci, dice a arta voce “Chi c’è c’è, chi ‘un c’è s’arrangia !” e poi si mette a cerca’, in quell’acqua ritornata improvvisamente carma, per vede’ di sgama’ dove s’ènno rimpiattati i su’ amici. Quando ne vede uno, nòta a tutto bordone fin’ar piombo e grida “Piomba Gozzetto” o “Piomba Pinna” … ‘nzomma “Piomba” e poi ir nome di chi ha sgamato. Ir primo a esse’ piombato, poi ni tocca conta’ a lui ar giöo dopo. Di ‘uelli nascosti, se quarcuno riesce a ‘riva’ ar piombo e grida’ “Piomba” senz'esse’ prima “piombato”, allora è sïuro che doppo ‘un gni tocca conta' a lui. Tutti quelli piombati, stanno li a aspetta’ che ir giöo finisca, per pote’ rïomincia’. Anco se sei stato piombato, ‘un è mïa detta l’urtima parola ! L’urtimo, che ‘un è stato ancora piombato, e che è ancora da sgama’ da dietro a quarche scoglio, pòle annulla’ tutte le piombature precedenti, se riesce a fa’ “Piomba liberatutti” senza esse’ piombato. Detto ‘osì pòr sembra’ difficile, ma ‘nvece è un giöo facile e divertente.
Ir nostro Mugginetto era come tutti quell’artri mugginetti, solo che aveva la fortuna di sta’ di ‘asa propio a Boccadarno e da li, in du’ balletti poteva anda’ in mare o in Arno … a piace’ !

Le cèe ‘nvece ènno tutte più sofistïate. Loro ‘un nascano mïa a Boccadarno ! No, loro nascano ner “Mar de’ Sargassi” e, per veni’ a Pisa, sguazzano nell’Oceano. Prima di parti’ le loro mamme ni spiegano ammodino la strada per veni’ a Pisa armeno du’ o trecento vòrte. Gliela fanno ‘mpara’ a memoria. Puppano e ‘mparano la via per Pisa: ‘un fanno artro, dalla mattina alla sera.
E ‘nfatti poi a Pisa c’arrivano a occhi chiusi, ma mïa per modo di di’ … arrivano tutte in gruppo a pelo d’acqua, sculettanti ti farei vede’, cor nasino all’insù e coll’occhi chiusi, per fa’ vede’ che loro hanno studiato, … mïa come i muggini !
Alle cèe, poi si sa, ni garba giöa’ a “Moscacèa”, mïa a nascondino !
Ci stanno a ore 'ntere. Una cèa viene bendata con un filino d’arga; tutte quell’artre ni girano ‘ntorno (a vedélle sembrano una palla di cèe) e lei deve riusci’ a toccànne una ‘olla ‘oda. Se ce la fa, quella toccata viene bendata e poi tocca a lei a sta’ ner mèzzo.

E fin’a qui nulla di strano: i muggini da ‘na parte e le cèe da quell’artra.
Quelli a rufola’ ir muso nella rena e quell’artre a lisciassi da tutte le parti.

Ma quello che successe ar nostro Mugginetto fu quarcosa che rimase nella storia di Boccadarno.
Ancora oggi quarche vecchio muggine la racconta a su’ nepotini e tutti lo stanno a senti’ boccheggiando coll’occhi spalancati. Anco doppo ‘he ir racconto è finito, rimangano in quer modo ellì per quarche menuto. Vi sarà capitato anch’a voi di vedelli ‘osì, no ?

Ora ve la racconto anch’ a voi, ma m'arraccomando poi ‘un indate a giro ‘oll’occhi spalancati e la bocca aperta, va bene ?

Tutto ‘ominciò una sera quando ir nostro Mugginetto stava per mettesi a letto.
La finestra di ‘amera sua dava sull’Arno, proprio alla foce.
Prima d’infilassi sotto a’ lenzoli, era solito butta’ un’urtima occhiata fòri alla finestra per vede se la ‘orrente era lenta, se la superficie era ‘ncrespata, o se ll’acqua s’era intorbidita. Cercava di ‘api’ come sarebbe stato ir giorno dopo. Quella sera aveva ‘ntuìto che stava per arriva’ una piena d’Arno di ‘uelle estrastrònghe. Su’ pa’ aveva chiuso l’uscio di ‘asa a du’ mandate, e ‘n più c’aveva appuntellato anco ‘na seggiola. Poi n’aveva dato la bònanotte, cercando di mostrassi tranquillo ir più possibile, ma quer vecchio muggine era come un libro aperto per ir nostro Mugginetto, che riusciva a capi’ ir su’ stato d’animo anco sortanto dar movimento delle pinne. La tenzione era parpabile quella sera a casa Muggini. Ir nostr’amïo s’era messo nel letto ‘olle ‘operte tirate su fino ‘n cima. Aveva lassato solo un bùo per guarda’ con un’occhio la finestra.
Pian piano ir sonno stava avedo la meglio sur timore e la parpebra ‘ominciava a fassi pesante. S’abbassava piano piano e, quando ‘rivava ‘n fondo, si riazava di ‘orpo. Fra pòo si sarebbe addormentato. D’un tratto l’occhio rimase spalancato a fissa’ la finestra. Quarcosa era passato li davanti: quarcosa di sottile e trasparente s’era fermato per un attimo a guarda’ dentro alla su’ finestra.
L’aveva visto che stava rintanato sott’alle ‘operte, aveva sorriso e … era scappato !

Ir tempo di rendèssene ‘onto e ir sonno era bèll’e che ito.
Uno scossone alle ‘operte e via, alla finestra a guarda’ di fòri.
Stette li, cor naso appiccïato ar vetro, per quarche menuto.
Poi la rivide, un po’ più ‘n la, che notava bassa sur fondo, un po’ abbacchiata.
Era una ceìna e si vedeva che s’era spèrza.
Era rimasta da sola: la risacca l’aveva sballottata sugli scogli e ora vagava ar buio sur fondo dell’Arno, ignara dell’ondata di piena che stava per arriva’. Era in perïolo e ‘un c’era un menuto da perde’.
Una ‘odata alla seggiola, du’ giri di chiave e Muggineto era già fòri.
Per fortuna era una notte di luna piena e un cincinnino di luce riusciva a firtra’ anco sur fondo dell’Arno: o dov’è o dove ‘un è, alla fine la rivide !
Era svenuta dalla fatïa e la risacca la stava portando perïolosamente vicino a degli scogli dove si sapeva che c’abitavano du’ favolli pöo raccomandabili. Preso ir coraggio a du’ pinne, ir nostro Mugginetto andò verso gli scogli e fece giusto ‘n tempo a raccatta’ la povera ceìna e scappa’, che già era sortito un favollo, colla ‘hela tutt’aperta già pronta a corpi’. Mugginetto rientrò in casa di ‘orsa, ‘olla ceìna sur una pinna, ancora svenuta. Su pa’ lo vide entra’ cor fiatone e colla ceìna sulla pinna. Mugginetto ‘un cela faceva a parla’: guardava su’ pa’ e coll’artra pinna gl’indïava la ceìna svenuta.
Arrivò anco su’ ma’ che capì tutt’ar volo e corse a prende’ la ceìna. La portarono sur un letto, la riscardarono ‘olle ‘operte e così, piano piano, si riprese.
Appena aprì ll’occhi e vidde tutti que’ muggini ‘he la fissavano ‘olla bocca aperta, tirò un pó’pò’ d’urlo che li fece scappa’ tutti sott’alle seggiole. A quer punto, Babbo muggine, gli disse: “Carma … carma … ‘un ti si mangia mïa … o per chi c’hai preso ???”
Ci volle ‘un bèr po’, ma alla fine riuscirono a carmàlla e a ragionacci.
Gli spiegarono cos’era successo e come mai era dentro alla ‘asa de’ muggini.
Lei allora gli raccontò che tutte le su’ sorelle erano state pescate e che lei era riuscita a sarta’ dalla ripaiola all’urtimo momento, ma un’onda l’aveva fatta picchia’ s’uno scoglio.
Era sïura d’èsse riuscita a ritrova’ la via di Pisa quando aveva visto la loro ‘asa, ma poi la ‘orrente, ir buio, la stanchezza avevano avuto la meglio sulle su’ piccole forze.

La piena passò e Ceìna, la ceìna, fu adottata dalla famiglia de’ Muggini.
Doventò grande assieme a Mugginetto, ar quale s’affezzionò dimorto, ma dimorto davvero !

Un giorno però, mentre erano li che desinavano, si fece come buio.
Sembrava che ci fosse un’ecrisse.
Andarono tutti alla finestra e videro che fòri c’erano de’ branchi enormi d’anguille ‘he lasciavano l’Arno per anda’ verso ir mare: era la migrazione verso ir Mar de’ Sargassi.
Ceìna, ‘un era più una ceìna, ma ‘na bell’anguilla tutta ‘urve.
Anco Muggunetto ‘un era più un pescetto da frittura, ma un bèr muggine argentato.

Ceìna sentì ir richamo della natura e disse che doveva anda’ con quell’artre anguille … ‘un ci poteva fa’ nulla … ci doveva anda’ … per forza !
Mugginetto ci provò ‘n tutte le maniere a falla ragiona’ … ma ‘un ci fu verso di ‘onvicela. In fondo ‘un era mïa ‘orpa sua: era una regola della vita dell’anguille !

Mugginetto allora fece una ‘osa che nessun artro muggine aveva mai fatto: salutò su’ ma’ e su pa’ e andò dietro a Ceìna. La raggiunse pöo prima ch’entrasse ner nugolo dell’anguille e quella fu l’urtima vòrta che li viddero: pinna nella pinna s’avviarono verso ir mare aperto.
Non tornarono più, ma si dice che, quando arrivarono ner Mar de’ Sargassi, tempo du’ mesi si sposarono e misero su famiglia. Nessuno a Boccadarno ci credeva, fino a quando un giorno furono visti arriva’ dar mare delli strani pesci. Erano mèzzi muggini e mèzzi anguille. Chi li voleva chiama’ “Anguilluggini” e chi “Mugginille”. Ancora oggi si devano mètte’ d’accordo sur nome da dagli, ma da quer giorno, con grande sollievo, fu chiaro a tutti ‘ome erano ite a rifini’ le ‘ose tra Mugginetto e Ceìna.

Etichette: , , , ,

24 settembre 2007

Irripetibile

Dedïato a quer po’po’ di ‘apolavoro di gò fatto da Raimondi-Castillo in Mantova-Pisa der 22 Settembre 2007.


Ecco Gabriel palla ar piede.
Ecco Nacho che lo vede.

Tira Gabrièl alto e lungo;
Corre Nacho forte forte.

Sale ‘n cièlo quer pallone;
fa un bèr volo pilotato.
Fa sta’ tutte le persone
con ir fiato trattenuto.

‘un pòl’esse’, è troppo bello:
c’è già Nacho a’ aspettàllo.

Senza fagli tocca’ terra,
quàr che fosse un bell’inchino,
alla palla un corpo sferra
e la ‘nzuppa per benino.

Ha volato quer pallone
e per sempre volerà:
ne’ rïòrdi un’emozione
tra tant’anni accenderà.

Etichette: , , , ,

10 settembre 2007

Colla réna ne' pièdi

(Dedïato a’ Pisani ‘ostretti a vive’ lontano dar mare)

Preambolo
Ir senso di smarrimento che piglia l’emigrante quando si trova a dove’ vive’ lontano da propri posti, è comune a tutti i popoli. Si fanno strani penzièri e s’invia a ragiona’ su de’ partïolari che a casa nostra ‘un si sarebbero mai ‘onsiderati. Ir Pisano poi, è strano sòdo: quand’è a Pisa, è capace, ar mare ‘un ci penza mai, ma appena si trova a dove’ vive’ troppo lontano dalla ‘osta, ecco che gli piglia ‘r magone.
Ir fatto è che, a noi Pisani, pe’ vive’ tranquilli, ci basta di sape’che ‘r mare è lì a du’ passi; sape’ che, se ci piglia lo schiribizzo d’andacci, in du’ balletti ci si pòle arriva’. Tornati dar mare poi, un po’ di réna fra ‘ diti de’ piedi è scontato 'he ci sia, anzi, se ‘un ci si trovasse, ci sembrerebbe strano e c’assalirebbe ‘r dubbio d’èsseci sognati d’ugni ‘osa e che, ar mare ‘un ci siamo mïa stati.
E’ come chi ar gabinetto s’arza, ‘onvinto d’avélla fatta, si gira e ‘un cela trova !!!


Noi Pisani, ir mare,
ci s’ha ner ceppïone.
E ‘un si tratta mïa di crema solare,
ma di réna e solleone.

A vòrte, destino ‘nfame,
ci tocca trasloa’:
per ‘un mori’ di fame,
si sa, e bisogna lavora’.

Se poi s’ha la scarogna
d’anda’ propri’ a rifini’
ner mèzz'alla ‘ampagna,

se da ‘na parte si pòr gioi’,
che finarmente si guadagna,
da quell’artra, lassatemelo di’:

c’avremo anch’ a che fa’
co’ Mister e le Milèdi,
ma di sïuro vì, nessuno c’ha
la réna ‘n mezz’ a pièdi.

Etichette: , ,

03 settembre 2007

Ir perdono

Dice … che per esse’ un bòn cristiano, bisogna sape’ perdona’.
Dïo io … bòni si, ma mïa ‘oglioni !
Anco ner perdona’ bisognerebbe ave’ criterio,
sape’ trova’ la giusta via di mezzo,
tra l’intransigenza der castigamatti e la ‘arità a ortranza dell’ingenuo,
tra la legge der taglione e ‘r traccheggia’ che porta pian piano alla prescrizione.

E poi, ir perdono è una ‘osa seria, da amministra’ con parsimonia,
com’ er sale ner Medioevo, da fa’ usci’ una goccia alla vòrta …
sarvo poi apri’ quer rubinetto a tutta gargana
di fronte ar pentimento … pentimento si, ma quello vero !

Artrimenti, bèr mi’ talloccio, hai voglia te di pòrge’ ll’artra gòta …
se ‘un ti scanzi di volata,
intenderanno di sïuro, che di labbrate …
una sola … e ‘un t’è bastata !

Etichette: ,

Pilade

Ner bèr mezzo dell'anni settanta ero pòo più d'un bimbetto e stavo di 'asa a Marina.
Una sola grande passione: anda' a ppesca' !!!
Fuss'estate o 'nverno, càrdo o freddo, come potevo .. raccatavo tutte le mi 'arabattole e 'ndavo a ppesca'.
Stavo 'n Via Maiorca e la mi' amera dava sulla strada, ir ché era una 'osa strategïa: bastava 'he m'affaciassi per pote' sape' dove anda' a ppesca', sulli scogli o a Boccadarno, a seònda se 'r mare era troppo mosso oppure no. Venivo dalla 'ampagna, ma si vede che 'r mare ce lo dovevo ave' nell'ossa.
Quante giornate passate accanto a' pescatori marinesi !!!
Zitto a guardalli... sulli scogli o su' pontili alla foce ... per impara' come facevano: l'amo der 10, der 12, l'ancorino e la girella, la lènza e ' piombini, 'r finalino e ‘r sugherino, ‘r cimino e l'incòccio, ir fondo, la pasta e la pastura.
Le sarpe, le sarpe ... troppo difficili per me a que' tempi.
"Le sarpe, e mangiano ll'erba di Boccadarno !!!" .. ma l'erba e 'un era mïa erba: era un'arga verde, lunga e sottile che cresceva appicciata alli scoglietti della foce.
Loro 'nvece, i pescatori, tiravan sù d'ugni 'osa: sarpe, spigole, occhiate, muggini ... e io ???
Io m'accontentavo d'allama' quarche saraghino o du' ghiozzetti, tanto per praca' la mi' passione di ragazzino ... tanto poi ... c'erano loro ... i gamberi: da pesca' co' retini e 'r salacchino o co' 'na lisca di baccala'.
M'infilavo tralli scogli parevo un minatore, e li ... 'un cen'era per nissuni !!!
Un giorno ero li cor mi' retino, che m'ero messo a pesca' tra le bùe delli scogli a 'na diecina di metri da un vecchio pescatore: 'un gni davo punta noia ... lui pescava a ffondo 'olla 'anna, e io lì giù, fralli scogli, cor mi’ retino.
Avevo trovato una bella bùa: ll'acqua era tranquilla com'uno spècchio, ir retino l'avevo posizionato ar bacio, colla su' esca nòva di trinca. Pratïamente ero già sïuro, quella sera, di cena' co' gamberi ... ma avevo fatto i 'onti senza ll'oste !!!
Dopo pòo ...ti vedo sbua' da 'na parte, sott'acqua, una po’po’ di testona, come d'un'anguilla, ma grossa èh ... grossa a quella maniera ellì 'un l'avevo vista mai.
Poi partì ...
A velocità costante ... "tran-si-tò" ... sopra ar mi' retino e ci mise più d'un minuto quer bestione a passa' tutto. Era un grongo, ma io 'un lo sapevo che esistevano que' giganti. Coll'occhi di fòri, continuavo a di': " 'un è possibile ", " 'un ci posso crede' ", " o ccos'è ??? ".
Stètti lì 'mpotente, a vede' passa' quer trèno sopr'ar retino ... e doppo l'urtimo vagone ... tirai su ... l'esca era sparita. Stravòrto, sortìi fòri dalli scogli ... guardai cor punto 'nterrogativo ir pescatore ... lui mi guardò carmo e disse: "Bimbooo, com'è-èè ??? E' passato Piladeee ???"
Ir giorno dopo andai a compra' un'amo “dell'uno” ... cor finalino d'acciaio, ma Pilade ... 'un s'è più visto.

Etichette: , ,

Vivo per ir Pisa

Rivisitazione in chiave curvanordaiola della canzone
"People from Ibiza" di Sandy Marton.

--------------------------------------------------------------------------------------

Seeeguo 'r Pisa 'nsù e 'ngiù
Seguo 'r Pisa 'nquà e llà:
Io lo seguo ... in ogni cittààà ...

Pò anda' bene o pò anda' male
si po' anda' anc'all'ospedale:
chi lo sa ... come finirààà ...

Mai smetterò ... siii, finchè vivrò-òò ... di amare teee
Sono acceeesi, sempre, i tuoi colooori ... dentro di meee

Vivo per ir Pisa,
si vive per ir Pisa:
siamo qui-ii per te-eee ...
Vivo per ir Pisa,
si vive per ir Pisa:
siamo qui-ii per teee ...

Dimmi-si un artro còro
Facciamo tutti un còro:
Ir Pisa ... ha bisogno di nòòi

Noi si tifa anco 'n sei
ci si sgola più che maai:
con te ... ovunque tu andraiii

Mai smetterò ... siii, finchè vivrò-òò (finchè vivrò-òò ) ... di amare teee (di amare teee)
Sono acceeesi, sempre, i tuoi coloori (i tuoi colooori) ... dentro di meee (dentro di meee)

Vivo per ir Pisa,
si vive per ir Pisa:
siamo qui-ii per te-eee ... (so-olo per te-eee)
Vivo per ir Pisa,
si vive per ir Pisa:
siamo qui-ii per teee ... (so-olo per te-eee)

Vivo per ir Pisa,
si vive per ir Pisa:
siamo qui-ii per te-eee ...
Vivo per ir Pisa,
si vive per ir Pisa:
siamo qui-ii per teee ...

Vivo per ir Pisa,
si vive per ir Pisa:
siamo qui-ii per te-eee ...
Vivo per ir Pisa,
si vive per ir Pisa:
siamo qui-ii per teee ...

Etichette: , , ,

07 agosto 2007

17-06-2007 Replay

Ma quale moviola !!!
Ci s’ha tutto vì … ner capo … e ner còre !!!

S’è vissuto un sogno,
e s’è voluto sogna’ tutti,
a ortranza … fino all’urtimo seòndo.

Com’un copione, scritto ne’ minimi partiòlari,
s’è seguito tutti, per filo e per segno, ‘n campo e sulli spàrti.

La ‘ommozione è ‘rivata alla fine,
dando ‘r cambio alla fatïa e alla tenzione.
Dopo anni di rabbia e di passione,
la felicità ha dovuto aspettà ir su’ turno.

A ripensacci poi …
Quer boato ar gò di Ciotola, c’aveva quarcosa di sovrumano:
seòndo me, a vede’ quella partita, ci s’era tutti,
ma proprio tutti … anco di più,
… anco ‘uelli che ‘un c’ènno più !!!

Etichette: , , , , ,

06 agosto 2007

Io faccio 'r tifo per ir Pino

Ce ne saranno di arbèri ar mondo ? … ma ‘r Pino !!!

Mi garba vedelli,
quando tingano di quer bèr verde luminoso,
i posti più difficili.

Sur tronco,
ar cardo dell’Estate,
ci ‘anta ‘na cïala,
mentre fra le su’ squame,
le formïe sargono ‘n prucessione.

Un soffio di vento …
s’improfuma di resina e fa casca’ una pina.

Fra ‘ rami più arti un merlo
guarda un bimbo chinoni a raccatta’ ‘ pinoli:
li trova e co’ un sasso ll’aprirà contento.

Un cane ‘orre lèsto dar su’ padrone colla pina fra ‘ denti.

‘Un c’è nulla da fa’: io faccio ‘r tifo per ir Pino !

Etichette: , , ,

I Monti Pisani

Ma saranno pòo belli i Monti Pisani ?
Son belli da lontano e anco da vicino.

L'antïi, che c'avevano da fonda' Pisa,
da trova' un posto 'ndove mette' l'anima di Pisa,
e girarono 'na cèa prima di trova' 'uello giusto !
Prima di tutto, doveva esse' vicino ar mare;
poi ci doveva passa' un fiume (anco due),
e 'nfine doveva avécci delle belle montagne a coprigli le spalle.

Fu così che, gira e rigira, scersero proprio 'uesti posti eqquà.
All'anima di Pisa, quando glieli fecero vede’, 'un gni parse vero
e cis'accoccolò, com'un paguro detr'alla 'onchiglia.

E da quer dì, ner corso de' millenni, tutti i Pisani
ènno 'resciuti al riparo der ventaglio de' nostri monti.
Li viddero ... i Pisesi Greci, i Pisesi Liguri, poi i Pisesi Etruschi e' Pisesi Romani
e 'nfine anco ' Pisesi Pisani, che siamo noi.

Dar punto di vista geologïo poi, 'un ne ragioniamo:
e tanto i Monti Pisani hanno fatto un giro pe' ride' !!!
In pò’i lo sanno ... e resti tra noi: "sembrano" fermi, ma quelli li ...
e rivano niente po'po' di meno 'he ... dar Polo Sudde !!!
Con de' monti der genere, cosa vòi, i Pisani
'un potevano che doventa' un popolo di navigatori !

Devo ringrazia' mi pa', che da piccino, com'aveva un po' ti tempo libero mi portava "sur Monte Serra", che per noi voleva di' un posto quarsiasi su' Monti Pisani ... ir Monte Serra 'n primisse, ovviamente.
C'avremo fatto 'r sorco a sòn di venicci !
Tutte le "scuse" eran bòne:
"c'è d'anda' a prende’ un po' d'acqua";
"si va a fa' du' more";
"si va a fa' cristalli" (di quarzo, trasparenti, belli da mori’);
"scampagnata a Santallago",
"giratina alla Certosa",
"un panino alla Torretta" (di 'Aprona),
"i leoni a Niccosia" ...
Potrei anda' avanti a pesca' drent'a' rïordi.
Sortirebbero tanti luoghi e immagini,
ma quello 'he cconta ènno le sensazioni, ùnïe, 'he tutti 'uesti posti mi stuzzïano di sott'ar còre.

Cor cresce' poi, vieni a sape' anco un po' di Storia,
e ti ritrovi a scopri' che qui, più che artrove,
si difese più che mai l'onore der Popolo Pisano.
Ogni pietra e ogni sasso di questi 'ari monti,
ci racconta di que' be' tempi andati,
quando fiera, sulla Rocca della Verrùa,
sventolava la bandiera rossocrociata della Repubbrïa Pisana.
Chi 'un è Pisano 'un pòr capi' ...
Son passati tanti di 'ue sèoli, ma per noi ‘un contano: lassù, c'ènno ancora i nostri eroi !

Etichette: , , , , ,

04 aprile 2007

Ner còre di Pisa

Ner còre di Pisa c’è un gran movimento.
Lungarni assolati gremiti di gènte.
Si sente ‘riva’, fra pòo è ‘r momento:
cammina ir corteo sotto 'r sole ‘ocènte.

Passo sìuro e sguardo accigliato,
arzano ar cèlo ‘ targoni lucenti.
Ir grande momento è dunque ‘rivato:
son tutti schierati i gran combattenti.

Si lancia la sfida, si ‘orre sur Ponte,
si pigia 'r carrello … ancora … più ‘n là.
Si sente 'r sudore che sorca la fronte.

Finito è lo scontro: si pòr festeggia’!
“Chi ha vinto?” - chiede 'r Sole all’orizzonte.
Ha vinto Pisa … solo 'vesto si sa.

Etichette: , ,

03 aprile 2007

Ir cuore batte sur Ponte

Cala ir sole verso ir mare
tingendo di luce la chioma dell’onde.
Ir nostro bèr Giugno, d’aria solare
gonfia le tele sante che scendan dar Ponte.

Aspetta ir carrello ‘mpaziente l’ennesima sfida,
tamburi, chiarine e bandiere … sù, attenti !!!
S’arzano da’ muriccioli mille e mille grida:
eccoli a corsa sur Ponte, i nostri ‘ombattenti.

Ecco uno sparo … partita è la gara … s’accende la sera.
Siam tutti sur Ponte, spingiamo anco noi:
coll’occhi puntati a quella bandiera,
vorremmo aiuta’ quer gruppo d’eroi.

A sòn di scossoni si sposta ir carrello,
chi urla di gioia, chi mangia ir cappello.
Chi 'r Giòo ‘onosce‘ di certo lo sa,
che finchè ‘un finisce, ‘un si pòle esurta’.

Coll’urtima spinta cade 'r bandierino:
chi vince s’abbraccia, chi perde si dòle.
Chi ha vinto pregusta ir sapore der vino,
ar buio quell’artri … in attesa der sole.

Etichette: , ,

28 febbraio 2007

Troppo benessere …troppo malessere.

Sarà che ‘r capello mi tira ar bianchino,
sarà che ho scavallato da un po’ la quarantina,
ma se ripenso a com’ero io da bimbetto
e faccio ir confronto co’ mi figlioli,
mi vien da disperammi … e mïa poïno !

A confronto di lorolì, di ‘ose per gioa’ ce n’avevo poïne:
le ‘ostruzioni, l’arbumme delle figurine, ir pallone, la biciretta e’ giornalini.
La diferènza sta ner fatto che io c’avevo pòo, ma ‘un mi “mancava” nulla.
E ‘nvece i bimbi d’oggi son sempre, disperatamente, alla ricerca di quarcos’artro …

Pòo pòo ‘ni ‘ompri quarcosa, che fino a quer momento era l’oggetto del loro desiderio,
ir giorno doppo lo ritrovi buttato lì da ‘na parte, insieme a tutte quell’artre ‘ose che fino all’artroieri erano ‘onsiderate “indispensabili”.

Ora, ir probrema, me lo sono posto più d’una vòrta, ma la risposta che mi son dato ‘un mi garba per nulla.

Si parte dando per scontato che ‘un ci si pòle paragona’ a figlioli d’oggi e pretende’ che siino uguali a come s’era noi … ‘un era valido per i nostri genitori e ‘un è valido per noi.
Ir fatto però è che c’è dell’artro.
Io, armeno per quanto riguarda ir rapporto cor mondo, vivevo tranquillo e sereno: m’accontentavo di quer che c’avevo e di quer che ‘un potevo ave’ me ne facevo una ragione … sapevo affronta’ le ‘ontrarietà della vita con pazienza.
Ecco cosa ‘un vedo ne’ giovani d’oggi: la pazienza di sape’ aspetta’, la serenità di godessi quer che c’hanno, la ‘apacità di sape’ sopporta’ un “no” … nemmeno quello più motivato der mondo.

Son tutte ‘ose che ‘un si riesce più a trasmette’ a figlioli d’oggi, nemmeno cor migliore dell’esempi.
Hai voglia di fa’ vede’ che te sai aspetta’, che ti godi quer che c’hai e che ti sai fa’ una ragione di quer che ‘un pòi ave’ … nulla da fa’ … lorolì le ‘ose ‘he vedono, le vogliono ave’ e dimorto alla sverta …a nulla serve spieganni che ‘un si pòle ave’ tutto subito, che le ‘ose prima di ‘ompralle, bisogna ave’ messo da parte i sòrdi necessari. Loro le ‘ose le vogliono e basta …

Insaziabile desiderio, fine a se stesso e che crea insoddisfazione perenne e nervosismo ‘ostante.

Sarà che è cambiato ir mondo e’ figliòli crescono lontano dalla natura, ma anch’io da bimbetto, ‘unistavo mïa sempre co’ piedi piantati nella mòta !

Gira e rigira la ‘orpa la do sempre alla televisione … e company.

Anco quando s’era bimbetti noiartri c’era la televisione, ma era tutta un’artra ‘osa: du’ anali soli dove le ‘ose da vede’ per noi erano abbastanza delineate e innocue.
Oggi se stiocchi un figliolo davanti alla televisione cor teleomando è come se l’avessi mandato gnudo pella strada …
Troppi ‘anali “perïolosi” che somministrano a quelle povere menti indifese di tutto e di più: violenza a vagonate, ‘nframista a prepotenza, crudeltà e oscenità. Programmi demenziali dove stanno a letïa di ‘ontinuo e ‘un diano mai nulla di vero.
Dove sono finiti i documentari per i ragazzi ? Sono iti tutti su’ anali satellitari a pagamento ?
Quarcuno c’è ancora, ma li devi scova’ col lanternino o ‘ncontra’ per puro ‘aso durante una scarrellata cor teleomando.
Eppure, quelle pòe vòrte che riesco a falli vede’ a mi' figlioli, gni garbano … e mïa poïno !

Per metteli ar riparo dar bombardamento della pubbricità e delle negatività della TV in diretta, mi rifugio nelle videocasette e ne’ DVD … armeno so cosa vedono, penso … illuso !
All’inizio delle videocasette e anco ne’ DVD ci stioccano la pubbricità di artre videocasette e artri DVD che magari avresti volentieri evitato di segnala’ a tu’ figlioli … envece eccoli li che ti chiamano per chiedetti di ‘ompra’ anco quelli li che vedono pubbricizzati !
Dimentïavo: dentro le ‘onfezioni ci trovano anco dell’opuscoli pubbricitari …

Comunque lo sbarramento sembrerebbe regge’, armeno ‘n parte … armeno fino ar momento in cui ti distrai un attimo e … ir programma registrato finisce e cor teleomando rieccoli li a sguazza’ sulla televisione “normale”.

Allora cerchi artri rimedi … provi a toglie’ dalla sintonia que’ canali che ti sembrano trasmette’ le ‘ose più demenziali, ner tentativo estremo di ‘oncilia’ la visione della televisione co’ un’eduazione deorosa.
Loro ‘un lo sanno che eviteresti volentieri di fare una ‘osa der genere, che lo fai per il loro bene, ma per ora (e speriamo solo per ora ) per loro sei solo un assurdo aguzzino prepotente che gl’ha levato ir gioïno di sotto l’occhi !
E il livello d’insoddisfazione aumenta …

Se provi a falli gioa’ cor compiute’ o la prèistescion o ir ghembòi… peggio ancora: ir contatto colla rearta’ si va a fa’ benedi’ e ti ritrovi co’ figlioli che ‘un pensano a artro, che ‘un sentono più nemmeno li stimoli primordiali della fame, della sete, der sonno e si, diciamolo, … der càa’ e der piscia’ ! T’incominciano a chiede a te come si fa a supera’ quel “livello” … e se ‘un ci riescono, s’arrabbiano e dïono che quer gioïno ‘un sa di nulla e ne vogliono un’artro più ganzo.

E se provi a levagli quell’aggeggi malidetti, prima ti maledïono te e poi, cor gusto sàdïo di chi ‘un c’ha più nulla da perde’, ti fanno presente che TUTTI i loro amici ci gioano SEMPRE e che i loro genitori, A DIFERENZA DI TE (SCIAGURATO CHE ‘UN SIEI ARTRO) ce li fanno gioa’ TRAN-QUI-LLA-MEN-TE !!!

In effetti, visto che da soli ‘un si sanno regola’, ti ritrovi sempre tra du’ fòi: lascialli fa’ o vietagli le ‘ose.
Se li lasci fa’, l’hai avuta … ner giro di pòo l’hai persi, doventano estraterrestri, procramano l’indipendenza, esigono ir diritto all’atodeterminazione ner pote’ gioa’ co’ gioïni elettronici all’infinito: a’ gatti tutto ir resto !
Se gli vieti “l’oggetti sacri” non hai più ir diritto di ‘onsideratti un bravo genitore: i bravi genitori, seondo loro, i figlioli ce li fanno gioa’, eccome !

Insomma, come la metti la metti … ‘un ce verso d’addirizza’ le ‘ose.

Allora trovi espedienti der tipo “ci gioate ma dopo ave’ fatto ir vostro dovere” oppure “ci gioate ma solo un tòtte di tempo ar giorno”. La ‘osa pòle anda’ bene una vòrta o due, poi scatta l’ammutinamento generalizzato e siamo peggio di prima …

“E te glieli levi !!!” – Direte voi.
E ‘un è così semprice …

Possono anche arriva’ a ribarta’ ir comune senso della logïa dicendoti “Me l’hai levato ??? Allora posso fa’ cosa mi pare: ‘un fa’ i ‘ompiti, veni’ a mangia’ quando mi pare a me’, anda’ a dormi quando mi pare, ecc. ecc.”.

Fatto sta che co’ figlioli ‘un c’è verso di ragiona’ mai di quarcosartro che ‘un sia una richiesta pressante per quarcosa di deleterio o improponibile economïamente.

E io che pensavo che co’ mi’ filglioli mi sarei seduto sulla riva der fiume a parla’ delle mille ‘ose der mondo e della vita …

Ci vorrebbe forse un po’ di sana miseria ?
Non proprio la miseria nera, ma un po’ di ristrettezze forse ‘un farebbero mïa così male.
Chissà se un po’po’ di povertà riuscirebbe a insegna’ a questi giovani ir valore delle ‘ose più e meglio de’ tanti accorati discorsi de’ genitori ?

Etichette: , , , ,

24 gennaio 2007

Questione di ‘olore

Figliòlo: dai Babbo, m’aiuti a disegna’ !
Babbo: ovvia, piglia il lapisse, le matite e ‘r foglio …
Figliòlo: c’ho già tutto, ma le matite … bisognerebbe appuntalle !
Babbo: ora ho capito perché volevi che t’aiutassi a disegna’ … po’po’ di fannullone che ‘un siei artro ! ‘un vòi nemmeno appunta’ le matite ? Ma mi dici ‘un po’ …ti pesa l’appuntalapisse ?
Figliòlo: no, è che sono tutte spuntate, e se mi metto a appuntalle … ci sto du’ anni prima d’incomincia’ !
Babbo: ho capito vai … sei una faina di nulla ! Vedi di datti un poino da fa’ … appuntale via via che finisce la punta, artrimenti te le ritrovi da appunta’ tutt’assieme, come oggi.
Figliòlo: scusa, ma sennò cosa ci stanno a fa’ i babbi ?
Babbo: a ‘nsegna’ le ‘ose che i figlioli ‘un sanno ancora !
Figliòlo: ho capito … via dai, per questa vòrta aiutami !
Babbo: queste parole mi sembra d’avelle già sentite …
Figliòlo: sarà un “déjà vu” !
Babbo: no, mi sa che è un “prendiperircù” !
Figliòlo: Babbooo … o cosa sarà mai appunta’ du’ matite ?
Babbo: è quello che mi dïo anch’io … ir fatto è che ora da appuntanne ce n’énno una vindicina !
Figliòlo: … allora m’aiuti o no ?
Babbo: ho bell’e capito, passami l’appuntalapisse vai …
Figliòlo: allora io comincio a disegna’ coll’apisse e poi, via via che mi serve una matita, te la chiedo …
Babbo: vai, ‘omincia pure, io ‘nvio a appunta’ …

Dopo quarche menuto …

Figliòlo: mi passi ir giallo ?
Babbo: toh … piglia !

Dopo quarche artro menuto

Figliòlo: mi passi ir viola ?
Babbo: lo devo ancora appunta’ …
Figliòlo: … ir marrone è pronto ?
Babbo: si, lo vòi ?
Figliòlo: si, ar posto der viola va bene anco ir marrone !
Babbo: ma càa dici ??? …. ah … scusa … ‘un l’avevo mïa presa !!!

Etichette: ,

22 gennaio 2007

Be’ mi’ tempi

Da un po’ di tempo a questa parte si parla di fa’ uno stadio nòvo a Pisa, nella zona d’Ospedaletto.
Di prim’acchito l’idea di uno stadio nòvo mi parrebbe bòna, ma poi a ripensacci mi sento lacera’ …

Avete presente i pioppini quando si puliscono prima di còcelli ?
Si piglia ir gambo e si divide a metà tirandolo colle mani ... ecco .. farò la stessa fine !!!

L'Arena Garibardi ... è come se mi dicessero "casa tua" ... uguale !!!

Solo ar penziero di dovella vede' spari' mi sento male.
Come tanti di noi, ci son cresciuto su que’ gradoni, c'ho smoccolato, c'ho patito ir cardo e 'r freddo, c'ho gioito e c'ho pianto.

Ora si parla di fa' lo stadio nòvo, e come tutte le 'ose, anche la mitïa Arena è destinata a rimane' ne' rïodi de' vecchi e in quarche fotografia.
Cosa ci faranno ar su posto ? Ir quartiere Arena ?
A mi' nipoti, da veccchio, cosa ni racconterò ?

C'era una vòrta uno Stadio, bello da mori', che dalli sparti vedevi sventola' la bandiera di Pisa dalla Torre. Quando marcava ir Pisa, ir boato faceva una giratina tra le strade della città e sembrava d'esse' 'n curva anche se stavi a sede' su' muriccioli lungarno.
E ‘ pensionati, tutti i giorni pigliavano la biciretta e 'ndavano a fa' "radioscalino" vicino ar botteghino, perchè lì c'era più gusto a ragiona' der Pisa.

Ma Nonno ... perchè 'un c'è più ?

O cosa volete 'he vi dïa ??? ... (piccolo moccolo perchè i nipoti ènno piccini) ... s'era in serie C da 'un po’po' d'anni e s'era un po' tutti ciondoloni ... 'un si vedeva la luce in fondo ar tunne’ ... l'unïo ruzzino era sta' a scrive su un forumme de' tifosi, via internette ... be' mi tempi !!!

Nonno, te usavi internette ??? Boia 'ome sei vecchio !!!

Grazie bimbi ... troppo bòni ... ma torniamo all'Arena ... 'spettate ... fatemi asciuga l'occhi ... ovvia ... dicevo ???
Ah si, ... l'Arèna ...

Era bella sapete ? Immaginatevi un'ovale grande, ma grande eeh ... da' 'na parte c'era la Curva Norde (per noiartri) e da quell'artra la Sudde (per quelli 'he venivano di fòri). Noi ci s'aveva ir sole nell'occhi ... armeno per ir primo tempo ... eheheh ... ma quell'artri d'inverno ... e battevano i denti e sartellavano dar freddo !!!

Comunque, via via la modifïarono, ner bene e ner male (seondo me eeeh): ni fecero una bella tribuna, ma ci levonno la pista d'atretïa, che a me mi garbava tanto ...

Nonno ... "a me mi" 'un si dice !!!

State bòni via ... date retta a nonno: se lo dïo, vor di' che si pòle di' !!!

E poi, que' po’po' di brodi, lo vollero fa' anco piccino !!!
Visto 'he a que' tempi s'era poìni, decisero di fallo piccino e colli sparti appiccïati ar campo ... "per fa' senti’ ‘r fiato sur collo a' gioatori" dicevano ...
Enfatti ... ora che semo doventati ir doppio d'abitanti (e di tifosi), ir fiato sur collo ci si soffia tra noiartri !!!

Eppure bastava rifassi a nostri avi !!! Quando fecero ir Domo ... 'un lo fecero mïa piccino, 'un lo fecero ... (arimoccolo 'un popo' più grosso, perchè i bimbi bisogna svezzalli) ... e 'un ci 'ostruirono mïa le 'ase appicciate "per fa' senti' ir fiato sur collo a preti" !!!

Ora voi c'avete lo stadio nòvo e 'un potete 'api’ ... ma a me, quando vi c'accompagno, e mi sembra sempre d'anda' 'n trasferta ... credetemi ... 'un mi par mïa d'esse' a Pisa, dentro a quer catino squadrato.
E poi ... supermercato ... cinematografo ... eccetera: ma vi sembra uno stadio quello li ? Ma mi dite un popo' ...aaaaaah ... 'un avete idea voiatri delle séme e de' lupini !!!

Se proprio ‘un si poteva sistema’ … bella mi’ Arena Garibardi … si poteva armeno tenta’ di fa’ uno stadio che fosse bòno armeno per artri mill’anni … come ir Dòmo, uno stadio ... “stadio”, senza fronzoli e che richiamasse lo stile architettonïo pisano … tutto co’ ‘olonnini e co’ gradoni di marmo a strisce bianche e nere, … colla pista d’atretïa …

Ariborda nonno, con quella pista d’atretïa !!!
O cosa te ne fai te della pista d’atretïa, ci vai a corre' ‘n carrozzèlla ???

Bòòòni … vecchio e decripito io sono, ma portatemi rispetto o vi bastono !!!

Questa nonno … mi pare d’avella già sentita !

Si, hai ragione, l’hai sentita quando t’arraccontavo di quer giòo che si faceva a Pisa tant’anni fa …

Ir giòo der carcio ???

No … ir giòo der Ponte !!!

Etichette: , , , ,

19 gennaio 2007

Marina di Pisa

Marina di Pisa

Se c’è un posto dove sembra che ‘r tempo si sia fermato, questo è Pisa.
Se c’è un posto dove sembra che ‘r tempo ‘un passi mai, questo è Marina.
Ir mare i Pisani se lo sono visti allontana’: piano piano, sèolo dopo sèolo, ir grande gorfo s’è ‘nterrato e l’Arno ha dovuto allunga’ ‘r collo per potessi tuffa’ ‘n mare.
Ora, a bòccie ferme, Pisa poggia ir gomito a Marina e da lì, coll’occhi trasognati, continua a guarda’ ir sole specchiàssi sopra ll’onde, a riempissi i pormoni coll’aria sarmastra e a ripiglia’ un po’ di ‘olore appena la stagione lo permette.
L’avessero detto a que’ Pisani antïi, a tempi delle galee, che li, dove s’avviavano a prepara’ l’ancora, un giorno la gente c’avrebbe preso ‘r sole, ‘un c’avrebbero mïa creduto !!! Colle dita sbattute a punta sulla fronte, avrebbero detto: “Ma càa dici? O ‘un lo vedi che qui c’è fondo quarche diecina di metri !!!”
Seòndo me, Marina si trova su una linea partïolare: la linea della nostargìa e della gioia.
Oggi si passeggia dove un tempo la nostargìa della Patria cominciava a fa’ senti’ le su’ prime avvisaglie: le navi, colle vele ar vento o ancora spinte da’ remi, lasciate le carme acque der Gorfo Pisano, assaggiavano ‘r mare, e ‘ naviganti, vortandosi ‘ndietro, salutavano pe' ll’urtima vòrta Pisa che, vista da lì, cominciava a esse’ un po' lontanina. Quella stessa linea, passata la quale, ar ritorno da mill’avventure, quell’antìi navigatori cominciavano a preparassi a rimette’ piede a terra, cor pensiero già rivòrto a cos’avrebbero ritrovato a casa: la moglie, i figliòli, ll’amici e le loro piccole e grandi ‘ose di tutti giorni.
Mi par di vedelli mentre mi passano accanto, a bordo di vascelli trasparenti sull’onde della memoria, piccoli grandi uomini. Vorrei potelli saluta’, sventolando una bandiera rossocrociata.
Capace che, come li vedo io, loro vedono me !
Capace che otto sèoli fa, uno di loro, guardando ‘n mare ha strabuzzato ll’occhi e un su’ ‘ompagno di galea gn’ha detto: “O ccos’hai visto ?”. E lui: “Uno che ci salutava ‘n piedi s’uno scoglio. Sventolava ‘na bandiera pisana !!!”. E quell’artro, pensando che 'r compagno avesse pigliato un’insolazione: “Bimbo, mi sa a me che ti ci vòle un po’ di riposo … tra Baleari, Corsïa e Sardegna, c’hai bisogno di torna’ un po’po’ a casina tua … ma all’ombra eh !!! M’ arraccomando, per un po’ lassa perde’ ‘r mare, mettiti a diace’ per benino nell’orto, sott’ar fïo, e ‘un pensa’ più a nulla !!!”.
Chissà … forse quer Pisano ‘olle traveggole ero io … otto sèoli fa.

Etichette: , , ,

08 gennaio 2007

L’esistènza

Prima o poi ‘apita di domandàssi
ir perché d’èsse’ a questo mondo
e dove’ tanto dannàssi
pe’ porta’ ‘sta vita fino ‘n fondo.

La domanda ‘un ti da pace,
ti tormenta ormai ‘nfelice:
‘un si fa neanche ‘apace
chi a ‘sto mondo ti ci mise.

Verrebbe allor di rassegnàssi
ar destino che ti tocca,
per giunta … senza tanto dimenàssi.

La risposta allora scòcca,
la sa anco ‘na cèa de’ Sargassi:
vien dar còre … mïa dalla bocca !

Etichette: , ,

02 gennaio 2007

Caio

Ogni tifoso der Pisa c’ha un su’ beniamino. C’ènno tanti gioàtori che porto nella memoria con affetto, ma ce n’è uno che c’ha ir posto riservato: Caio, ir Di Prete !

Quando ir Pisa andò dalla C alla B, nell’ormai lontano campionato 1978-79, Caio era li che imperversava colla maglia numero nove der Pisa addosso …

Alla penurtima di ‘ampionato, all’Arena contro ir Catania, fece ir gò che gl’assïurò ir posto riservato di cui prima: punizione verso la ‘urva Norde … palo … gò !!!

A que’ tempi Caio stava dietro ‘asa mia e ogni tanto si divertiva a facci ruzza’ cor pallone: quarche passaggio, du’ tiri ‘n porta, nulla di più, ma per noi ragazzi era ir massimo della soddisfazione …

Io lo vedevo bene in serie A cor Pisa, ma si vede ‘un c’ha avuto santi ‘n Paradiso e la serie A ‘un gl’è toccata. Sono ‘onvinto che ir carcio italiano s’è dato la zappa su’ piedi a ‘un portallo in arto.

Comunque Caio pòle sta’ sïuro che armeno a Pisa i su’ giorni di groria ce l’ha avuti … e quelli ‘un glieli pòle leva’ più nessuno !

Tutt’ora, se l’incapo per la via, mi rïonosce e ci si saluta con affetto …
Lui ‘un lo sa mïa che, tutte le vòrte che lo vedo, nella mi’ mente risono di ‘orpo in Curva Norde e tutto si ripete come allora: tiro, palo, gòòòòòòòòòò …

Etichette: , , ,

07 dicembre 2006

Cirano

Ho fatto ir Dini, il Liceo ‘n Via Benedetto Croce (Ex Viale Regina Margherita), nell’anni ’80.
Di que’ tempi c’ho tanti rïordi e quando ‘ncontro quarcuno che ha fatto anco lui quelle scuole ellì , s’invia a tira’ fòri, dar sacco de’ rïordi, di tutto e di più …
La ‘osa ‘ncredibile è che tutti, ma dïo tutti, ortr'a' professori, ir preside e’ bidelli, si rammentano di Cirano e de’ su’ panini spettaòlari.
Cirano (pover’òmo … ‘un c’è più) c’aveva una botteghina d’alimentari venti passi a destra appena sortiti dar cancello del Liceo e all’ora di ricreazione (ufficiarmente), ma anco quando ci veniva lo schiribizzo e la visione der panino di Cirano si materializzava sovrapponandosi a quarsiasi artro desiderio, ci si catarpurtava ner su’ negozio per fa’ gode’ (ner vero senzo della parola) le papille gustative.
Ma quale Mèc-Dònarde ? I panini di Cirano avevano dell’urtraterreno.
Ir panino per eccellenza, quello che batteva tutti quell’artri, e meritevole di ginufressioni murtriple in su’ onore, e per ir quale più d’una vòrta ciascuno di noi ha rischiato di rifini’ diritto dar preside per ”tentata evasione”, era … “Ir Trïolore” ! Un vero tripudio di sapori e quantità, capace di sopire ogni tentativo di 'oncentrazione nelli studi e di facci appari’ stranamente inappetenti all’ora di pranzo …
Ir Trïolore … mammamia quanto mi manca … consisteva in una mezza frusta (pane simile alla baguette) nella quale "Cirano ir Sublime" adagiava varie fette di salame rïoprendole di tre sarze dalle quali deriva ir nome der panimo, nell’ordine: sarza verde, majonese e sarza rosa.
Artro cavallo di battaglia era ir panino cor salame ungherese e l’insalata russa.
O com’era bòna l’insalata russa di Cirano ?
Bòna ‘osì ‘un l’ho sentita più …
A nulla varse la ‘ostruzione d’un cancellino per brocca’ ir passaggio dar marciapiedi laterale del Liceo.
Anzi, a noi ragazzi, tutto quer dassi da fa’ pe’ scavarcallo, ci faceva veni’ ancora più fame e ir panino di Cirano doventò ancora più bòno …


Bèr mi’ Cirano, quanto mi manchi !
Te e tutti i tu’ panini…
Tornassi ‘ndietro ne mangerei di più.
Ma come tel’eri ‘nventato ir Trïolore ?
Ma ci penzavi la notte a come accontentacci ?
Ora scommetto fai i panini anco ar Creatore …
ecco perché t’ha promosso ‘n Paradiso ‘osì ‘n fretta,
lasciando ‘sta generazione di ragazzi ner dolore !
Ma stai sïuro mi rivedi …
Appena mi toccherà tira’ ir carzino,
sentirai ‘na voce: “Ciranoooo … vai cor paninooooooo !!!”

Etichette: , ,

23 novembre 2006

Aria d'Arno

Mi garba pensammi ‘osì … e, quando ‘un ci sarò più, rïodatemi ‘osì:
ner mèzzo di Ponte di Mèzzo, appoggiato a guarda’ verso Portammare, una sera d’Estate, collo sguardo pèrso nell’acqua, ir vòto nella mente e ner naso l’aria di mare …


Brezza di mare che voli sull’Arno,
tu che se’ reduce di que’ flutti
sorcati un dì dar Pisano Armo,
narra que’ tempi, che questi son brutti.

Soffiasti ‘n questa terra fëonda
ir seme della Pisana Gente
che mai si dimentïò dell’onda
sì che ner mare fu sempre presente.

Soffia ti prego, ‘unismette’ mai.
Portami ‘ sòni di mille battaglie
de’ prodi guerrieri e marinai

iti all’assarto d’arte muraglie,
morti lontan da Pisa, ma tu lo sai,
pensando a’ bimbi e alla moglie.

Etichette: ,

27 ottobre 2006

L'ora di cena

Quando ir Signore da lassù
butta giù, come semini,
l’anime di no’ poèri mortali,
si mette doppo a testa ‘n giù:
vòr sape’ ‘n dove vanno a rifini’
tutti que’ su’ cuori colle ali.

Dipende poi tutto dar destino,
‘ndove ‘asca ogni semino.

C’è chi casca drent’a ‘n fòsso,
e chì ‘n una ‘ùlla, tutta bella rïamata.
Bisognerebbe allora rammentassi un po’ più spesso
di chi prese la ventata scalognata;
considera’ che la vita è ‘n artalèna,
ma più che artro, che riva sempre a tutti … l’ora di cena.

Etichette: , ,